Ultimo aggiornamento alle 12:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Bombardieri: «In pochi mesi traffici di coca per 6-7 milioni di euro» – VIDEO

Gli inquirenti raccontano l’operazione contro i narcos della Locride. Lombardo: «La ‘ndrangheta è davvero una struttura criminale enorme, ramificata». Scoperti cinque bunker

Pubblicato il: 22/07/2020 – 14:33
Bombardieri: «In pochi mesi traffici di coca per 6-7 milioni di euro» – VIDEO

REGGIO CALABRIA «L’inchiesta ci ha consentito non solo di intervenire su una delle attività che costituiscono il core business della ‘ndrangheta, il traffico di sostanze stupefacenti, ma anche di individuare numerosi vani occultati, dei veri e propri bunker all’interno dei quali si erano nascosti Giovanni e Giuseppe Giorgi. L’intuito della polizia giudiziaria ha consentito di portare a termine un’attività complessa». Così il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri ha commentato l’operazione “Koleos”.
«Sono stati monitorati – ha aggiunto – degli incontri tra gli arrestati e alcuni esponenti colombiani e albanesi. Incontri avvenuti all’interno di una struttura della Locride e da lì si è partiti per ricostruire questo traffico. Nel giro di pochi mesi sono stati monitorati passaggi di stupefacenti per 160 chili per un giro d’affari di 6-7 milioni».
«Quello che impressiona – ha sottolineato il procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo – è la continuità operativa che questi soggetti riescono ad avere nonostante i risultati giudiziari che negli anni sono stati raccolti. La ‘ndrangheta è davvero una struttura criminale enorme, ramificata, strutturata attraverso una serie di automatismi operativi che vanno oltre il singolo soggetto. Questo è un aspetto da tenere in considerazione al quale contrapponiamo una continuità investigativa che è nota e che a mio modo di vedere deve beneficiare di risorse sempre maggiori. Soprattutto nella capacità di penetrare nei circuiti comunicativi di cui la ‘ndrangheta beneficia attraverso una serie di comunicazioni criptate che diventano un ostacolo evidente anche al raggiungimento di risultati più importanti rispetto a quelli che finora siamo riusciti a ottenere».
I CINQUE BUNKER TROVATI DALLA POLIZIA Cinque bunker sono stati scoperti stamattina dalla Polizia di Stato durante le fasi esecutive dell’operazione Koleos, condotta dalla Squadra Mobile e dal Commissariato di Siderno nei confronti di un’organizzazione dedita al traffico di cocaina. Lo ha rivelato il questore di Reggio Calabria, Maurizio Vallone, nel corso della conferenza stampa spiegando che in uno dei bunker, realizzato in un bagno, si nascondeva uno dei destinatari di misura cautelare nel tentativo di sottrarsi all’arresto. Alcuni bunker erano stati realizzati all’interno di una stessa abitazione. «Hanno bisogno di nascondigli – ha spiegato il procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo – che siano prontamente utilizzabili nel momento in cui c’è un accesso imprevisto delle forze dell’ordine. Se mi trovo al piano superiore e il nascondiglio è unico all’interno della casa, potrebbe essere assolutamente inutilizzabile e quindi ogni ambiente, nell’evoluzione del bunker del terzo millennio, è dotato di una stanza segreta».


IL BUNKER Giovanni Giorgi si era nascosto nel bunker realizzato all’interno del bagno della sua abitazione, dove sono stati rinvenuti diversi bunker. Lo ha rivelato il procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, nel corso della conferenza stampa per illustrare i dettagli dell’operazione Koleos, che ha portato a 13 arresti per traffico di cocaina. Giovanni Giorgi si era rinchiuso nel bunker contenente ammoniaca, evidentemente secondo gli inquirenti per distruggere materiale che aveva con sé. A causa delle esalazioni nell’ambiente ristretto è stato colto da malore, quindi soccorso e trasportato in ospedale. Suo fratello Giuseppe Giorgi, inizialmente irreperibile, è stato arrestato nei minuti in cui iniziava la conferenza stampa. Anche nella sua abitazione sono stati rinvenuti bunker

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x