Ultimo aggiornamento alle 11:44
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Coronavirus, +2 a Corigliano Rossano. Salgono a 39 i casi attivi nella Sibaritide

Sui due positivi individuati dalla task force diretta da Martino Rizzo al momento si brancola nel buio. Un terzo paziente è da ieri sera all’Annunziata di Cosenza. Sono sette in tutti i ricoverati …

Pubblicato il: 08/09/2020 – 18:23
Coronavirus, +2 a Corigliano Rossano. Salgono a 39 i casi attivi nella Sibaritide

di Luca Latella
CORIGLIANO ROSSANO
Aumentano, in modo costante, i positivi al Sars-Cov-2 a Corigliano Rossano. Nelle ultime 36 ore la task force diretta da Martino Rizzo ha individuato tre nuovi casi, due oggi, uno ieri, peraltro ricoverato in ospedale a Cosenza.
Preoccupano il responsabile del dipartimento Igiene e Sanità pubblica dell’Asp per l’area sibarita, invece, i due positivi al virus identificati oggi, entrambi non riconducibili a nessuno dei cinque focolai attivi in città. Uno sembra essere ascrivibile all’uomo ricoverato ieri, l’altro è un cittadino coriglianorossanese trovato positivo a Napoli, prima di un intervento chirurgico.
Un quadro, quello attorno ai due nuovi casi di oggi, ancora da circoscrivere: gli uomini dell’Usca diretta da Rizzo stanno brancolando nel buio, al momento, rispetto a possibili contatti o come potrebbero aver contratto il virus. Di certo non sono riconducibili ai cluster attivi e monitorati in città. Nessuna nuova, invece, dalla Sibaritide nella giornata di oggi.
IL QUADRO COMPLETO DI CORIGLIANO ROSSANO Al momento i casi attivi in città sono 27; 4 di questi ricoverati in ospedale. Cinque, invece, sono i focolai attivi con pazienti uno – forse – comuni. I numeri contenuti, però, secondo Rizzo non possono lasciare tranquilli, anche perché nei prossimi giorni giungeranno gli esiti di oltre 150 tamponi effettuati ad altri contatti nell’ambito dei cinque cluster attivi e non solo.
IL QUADRO SIBARITA Ricapitolando i casi positivi nel nord-est calabrese, 7 se ne contano a Cassano, uno di questi ricoverato in ospedale. Rimanendo nell’ambito dell’Alto Jonio, un caso positivo è stato rilevato a Trebisacce ed uno a Roseto Capo Spulico, ricoverato a Cosenza. Nel Basso Jonio si contano un positivo a Mirto Crosia, a quanto pare indicizzabile ad uno dei casi di Corigliano Rossano, uno a Paludi, uno a Mandatoriccio, anche questo degente del reparto di Malattie infettive dell’ospedale di Cosenza.
In questa sorta di seconda fase di attacco del virus post lockdown, i casi attivi (ad esclusione del turista campano villeggiante a Cariati deceduto il 5 settembre scorso) nella Sibaritide sono 39, 7 dei quali ricoverati in ospedale. (l.latella@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x