Ultimo aggiornamento alle 12:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

«A Catanzaro medici e operatori dell’elisoccorso senza compensi». Arriva l’esposto alla Procura

Il presidente dell’associazione di anestesisti e dell’area critica attacca la Regione e la struttura commissariale. E denuncia: «Paghiamo a nostre spese le trasferte per salvare le persone»

Pubblicato il: 07/11/2020 – 8:06
«A Catanzaro medici e operatori dell’elisoccorso senza compensi». Arriva l’esposto alla Procura

CATANZARO «La querelle tra operatori ed Aziende di appartenenza ha raggiunto limiti di decenza francamente non più tollerabili». Così Domenico Minniti, presidente regionale di Aaroi-Emac (Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani-Emergenza ed area critica) attacca Regione e struttura commissariale e annuncia battaglia legale. «Da oltre un anno – spiega Minniti – i medici anestesisti rianimatori e gli infermieri di area critica che prestano la loro opera sulle eliambulanze della Regione Calabria, non percepiscono la giusta remunerazione. Non tutti, solo quelli appartenenti all’Asp ed all’Azienda ospedaliera Pugliese Ciaccio, entrambe di Catanzaro. Gli operatori si sono trovati, infatti, nel bel mezzo di una disputa tra Aziende sanitarie e Regione. Una disputa unilaterale dato che, a specifiche richieste da parte delle Aziende, pare nessuna risposta sia pervenuta né dal dipartimento Tutela della Salute, né da parte della Struttura Commissariale». «Nel frattempo però – precisa Minniti – gli operatori, hanno continuato, con spirito di sacrificio e senso di appartenenza a garantire la loro presenza in servizio, ben consapevoli dell’importanza della loro funzione, in una realtà sanitaria, quella calabrese, afflitta da molteplici ed ingravescenti criticità organizzative. Ed hanno continuato pagare le loro spese di trasferta per raggiungere le quattro basi elisoccorso della Calabria, ad esporsi ai non indifferenti rischi, professionali e fisici. Ad impegnare il loro tempo libero, dato che si tratta di prestazioni rese al di fuori dell’orario di lavoro. Dunque tempo rubato alle proprie famiglie, ai propri momenti liberi».
«L’Aaroi-Emac Calabria, nella persona del suo legale rappresentante – annuncia infine il presidente – dopo aver esperito diversi formali e vani tentativi di concludere positivamente questa vicenda, assistita dall’avvocato Valentina Maria Siclari del foro di Reggio Calabria, ha presentato un esposto all’attenzione della Procura della Repubblica del Tribunale di Catanzaro ed alla Procura Regionale della Corte dei Conti affinché possa essere adeguatamente valutata ed accertata l’eventuale sussistenza di rilievi di carattere penale e/o amministrativo-contabile».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x