Ultimo aggiornamento alle 13:22
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

«Basta umiliazioni», i manifestanti "accolgono" Boccia alla Cittadella – VIDEO E FOTO

Circa 200 persone si sono ritrovate davanti alla sede della Regione per chiedere «una sanità pubblica per la Calabria» e tutele per i tirocinanti. Si rivendica anche il no agli ospedali da campo pe…

Pubblicato il: 23/11/2020 – 13:03
«Basta umiliazioni», i manifestanti "accolgono" Boccia alla Cittadella – VIDEO E FOTO


CATANZARO “Sanità pubblica per la Calabria” è lo slogan che campeggia sullo striscione esposto da un gruppo di cittadini all’arrivo del ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Francesco Boccia nell’ex area merci dello scalo di Vaglio Lise a Cosenza. Slogan e cori da parte dei manifestanti che hanno definito la presenza del ministro «un’inutile passerella».

La protesta continua e si fa fitta all’esterno della sede della Cittadella Regionale. Sono circa 200 le persone che stanno manifestando per sollecitare soluzioni nei settori della sanità e dell’occupazione. Sono tante e composite le rivendicazioni dei manifestanti, tra i quali ci sono i militanti dell’Usb e di altre organizzazioni sindacali, di movimenti apartitici, di esponenti di movimenti di destra e di sinistra, ambulanti, tirocinanti della giustizia. Tra le rivendicazioni il no agli ospedali da campo per privilegiare la sanità pubblica rispetto a quella privata e l’apertura degli ospedali dismessi, garanzie su misure economiche che sostengono le imprese e l’occupazione. I manifestanti attendono l’arrivo alla Regione del ministro Boccia. Momenti di tensione si sono registrati quando alcuni manifestanti hanno cercato di avvicinarsi all’ingresso principale della Regione: l’intervento e le mediazione della polizia hanno convinto i manifestanti dal desistere.
La tensione ha rischiato di salire quando i manifestanti hanno bloccato la strada di accesso alla Cittadella e la polizia ha tentato di forzare il blocco. Il Comitato Prendocasa ha successivamente reso noto, sui social di aver «bloccato la superstrada di collegamento tra la cittadella regionale e l’autostrada» dopo il rifiuto da parte di Boccia di incontrare una delegazione. «Non ci muoveremo di qui – scrivono gli attivisti – finché non avremo un incontro con il ministro. Il governo non può pensare di mandare qui qualcuno dei suoi a fare una passerella e non confrontarsi con i calabresi e le calabresi.


 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb

x

x