Ultimo aggiornamento alle 22:54
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

L’incidente diplomatico

Un’ordinanza contro i venditori cassanesi ad Amendolara. Papasso: «Assurdo»

Il sindaco Ciminelli ha vietato (solo) agli ambulanti di recarsi nel suo comune perché provenienti da zona rossa. L’indignazione dei cassanesi

Pubblicato il: 09/02/2021 – 21:19
di Luca Latella
Un’ordinanza contro i venditori cassanesi ad Amendolara. Papasso: «Assurdo»

CASSANO ALLO IONIO Il sindaco di Amendolara è celebre per essere istrionico, eccentrico, l’uomo col maglione sulle spalle. È al suo secondo mandato e da quel che raccontano gli amendolaresi, la sua azione amministrativa è degna di nota.
È uno di quei sindaci, insomma, che si fa valere, che combatte per i diritti, contro le trivellazioni – per esempio – ed ha le idee chiare.
Una sua ordinanza, però, ha dato vita ad un incidente diplomatico con Cassano allo Ionio, col sindaco Gianni Papasso – che ha stigmatizzato la faccenda – e coi i cassanesi. Il provvedimento emanato lo scorso 4 febbraio e firmato dal sindaco di Amendolara vieta «in via precauzionale il commercio ambulante nel territorio comunale di Amendolara fino al 15 febbraio 2021 da parte di ditte che hanno sede legale o domicilio nel Comune di Cassano allo Ionio o i cui titolari provengano dal medesimo comune». E tutto ciò perché Cassano è ancora zona rossa.
Di certo non un bel modo per tutelare la sua comunità da possibili contagi che provengano dall’esterno. A Cassano si chiedono, nel frattempo, perché sia vietata la frequentazione dei luoghi amendolaresi solo i venditori ambulanti e non tutti gli altri lavoratori.
E Papasso? «Provvedimento ingiusto, assurdo e discriminatorio. Una caduta di stile istituzionale, Ciminelli avrebbe potuto chiedere ai lavoratori il tampone». Il sindaco di Cassano ha anche inviato una lettera al suo collega invitandolo a rivedere lordinanza.

La lettera inviata da Gianni Papasso ad Antonello Ciminelli

Sulla pagina Facebook del comune di Amendolara, tra l’altro, non sono mancate le compassate rimostranze dei cassanesi. Da un «Ma Amendolara dov’è, chiedo per un amico», al «razzista, vergognati» fino al laconico «Forza, Cassano! Passerà anche questa». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x