Ultimo aggiornamento alle 16:40
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

lotta alla ‘ndrangheta

I clan Sarcone e Muto «infiltrati nell’economia e nella vita civile» in Emilia

Al centro delle indagini le due famiglie legate alla cosca Grande Aracri. I fiancheggiatori erano «incensurati e spregiudicati»

Pubblicato il: 12/03/2021 – 9:45
I clan Sarcone e Muto «infiltrati nell’economia e nella vita civile» in Emilia

BOLOGNA L’indagine di polizia carabinieri sulla ‘Ndrangheta partita da Modena e Reggio Emilia ha permesso di rafforzare la conoscenza sull’organizzazione del gruppo emiliano, storicamente legato alla cosca Grande Aracri di Cutro, ma operante in autonomia, con «enorme capacità di infiltrazione nei settori centrali della economia e della vita civile», come sottolineano gli inquirenti. Al centro dell’inchiesta “Perseverance” ci sono esponenti di famiglie già colpite dall’operazione “Aemilia”, storico processo contro la ‘ndrangheta in Emilia-Romagna, che finora erano ancora in libertà. In particolare Giuseppe Sarcone Grande, fratello di Nicolino, Gianluigi e Carmine, già arrestati e condannati come esponenti della ‘ndrangheta emiliana e Salvatore Muto, fratello di Luigi e di Antonio, entrambi condannati anche di recente dalla Corte d’Appello di Bologna, nel processo Aemilia. Rimasto in libertà, avrebbe proseguito l’attività illecita dei fratelli, mettendo tra l’altro in contatto per affari illeciti la cosca emiliana con un’insospettabile coppia di cittadini modenesi «incensurati e spregiudicati».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb