Ultimo aggiornamento alle 20:04
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il report

Calabria ultima in Italia per connessioni a internet

I dati Eurostat certificano il ritardo della regione rispetto al resto del Paese e del Continente. Gli effetti su smartworking e telelavoro

Pubblicato il: 28/04/2021 – 15:28
Calabria ultima in Italia per connessioni a internet

Mentre in Calabria si esultava per l’aumento dei comuni connessi alla fibra veloce, l’Europa puntava già alle reti ultraveloci. E l’esultanza di allora viene coperta dai numeri di oggi. È Openpolis a raccontare lo stato dell’arte dell’Europa connessa. Una situazione in cui la Calabria si pone nelle posizioni di coda e, in generale, l’Italia segna il passo, eccetto nelle regioni del Nord. Considerando la copertura di qualunque connessione di rete, sottolinea l’analisi di Openpolis, «si può notare dai dati Eurostat come ci sia una importante disparità soprattutto tra il nord e il sud Europa». Tema divenuto centrale, «se consideriamo che in quest’ultimo anno le abitudini dei cittadini sono cambiate notevolmente, per esempio è variata la percentuale di lavoratori in smartworking o telelavoro nella loro quotidianità lavorativa». Da una parte Germania, Svezia e Paesi Bassi, paesi in cui la percentuale di famiglie raggiunte dalle rete internet sono tra le più alte, superando nella maggior parte dei casi il 95% (tranne che nelle regioni della Germania dell’Est). Dall’altra i Paesi dell’est e sud Europa, in particolare la Grecia, il Portogallo e il sud Italia in cui non viene raggiunto neanche l’80% della popolazione.

Calabria, copertura al di sotto dell’80%

Sono tre regioni della Bulgaria ad avere le percentuali più basse, inferiori al 75%. Seguono la regione portoghese Alentejo (74%), la Calabria (77%), Centro in Portogallo (77%) e Yugozapaden in Bulgaria (77%). Anche la Sicilia e la Puglia sono tra le regioni europee che non raggiungono l’80%. Una quota che viene invece ampiamente superata dalle regioni del nord Italia. In particolare dalla provincia autonoma di Trento, dall’Emilia Romagna (90%) e dal Veneto (89%).

Calabria ultima per gli accessi internet da casa

Le differenze si presentano anche all’interno di un quadro nazionale che appare spaccato in due tronconi, con il nord del Paese ben fornito del servizio e il sud, dove l’accesso a internet in alcuni territori è gravemente limitato. Questa faglia – le percentuali rappresentano la quota di famiglie che ha accesso internet a casa – si è addirittura allargata nel corso degli anni.
Nel 2010, nella regione più distante dalla media nazionale (52,5%), il Molise, la quota di famiglie con accesso a internet da casa era il 43,9%. Quasi 9 punti in meno della media nazionale, e a 14 punti dalla regione che allora aveva più famiglie connesse (il Lazio, 58,2%).
A quasi un decennio di distanza, nel 2019, la regione meno connessa è proprio la Calabria, con una quota di famiglie con accesso a internet molto più alta rispetto al passato: 67,3%. Il fatto è che il divario con la media nazionale è ancora di quasi 9 punti. E anche il ritardo rispetto alla regione più connessa (il Trentino Alto Adige, 81,1%) è rimasto quasi invariato: 13,8 punti percentuali.
Le regioni del sud, seppur con netti miglioramenti, rimangono sempre al di sotto della media nazionale e si distanziano sempre di più dall’Italia centro-settentrionale. Per esempio, nonostante il Piemonte (73,5%) risulti al 2019 al di sotto della media nazionale, presenta comunque un dato superiore a quello di grandi regioni del sud come Calabria (67,3%) e Puglia (69,6%).

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x