Ultimo aggiornamento alle 23:17
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 5 minuti
Cambia colore:
 

i nodi della politica

Nicola Irto: «Mi ritiro, Pd in mano ai feudi»

In un’intervista shock all’Espresso, il consigliere regionale dem spiega perché lascerà la corsa per le Regionali. «Si vuole lasciare spazio a de Magistris. Mi sembra di essere l’unico che cerca di…

Pubblicato il: 31/05/2021 – 10:37
Nicola Irto: «Mi ritiro, Pd in mano ai feudi»

CATANZARO Il consigliere regionale, sostenuto fin dall’inizio da tutto il partito democratico calabrese, rinuncia alla corsa per la presidenza della Regione. «La volontà di militanti ed elettori è svilita. Letta trovi una soluzione». Nicola Irto annuncia così la sua ritirata dalle elezioni sulle pagine dell’Espresso, in un’intervista a cura di Susanna Turco.
Dopo aver tentato per mesi di cambiare lo stallo politico dell’alleanza, Nicola Irto, 39 anni ha scritto a Enrico Letta – come ha dichiarato a l’Espresso – e ha stabilito che non vuole «starsene zitto e buono».

«Si vuole lasciare spazio a de Magistris»

Una rinuncia che appare clamorosa dopo una scelta di candidatura arrivata molti mesi prima da parte del Pd e presentata come una designazione condivisa e come una base solida per l’avanzamento del partito alle elezioni. A cambiare gli equilibri e a portare Irto alla scelta inaspettata di ritirarsi sarebbe stato il nuovo epicentro dei dem, costituitosi dopo l’arrivo di Letta alla guida del partito. Una guida che sembra aver cambiato le carte in tavola. «Appare di continuo una volontà di mettere in discussione le decisioni prese da molto tempo dal partito democratico calabrese e dagli alleati di centrosinistra, ma continuando a perdere tempo si lascia terreno alla destra e a De Magistris – denuncia Irto – Rinuncio quindi all’incarico e chiedo a Enrico Letta di trovare una soluzione per non continuare a svilire la dignità degli elettori e dei militanti del Pd in Calabria». Secondo Irto il segretario nazionale dei dem dovrebbe imporsi ed evitare di lasciare spazio ad altri personaggi. «Il Pd deve cambiare – dichiara Irto – non solo per poter mettersi in gioco alle elezioni, ma con una nuova generazione che c’è, anche se viene vissuta con fastidio da chi pensa solo a fare carriera: ma non possiamo ridurci ai feudi, dobbiamo essere una comunità aperta. Non possiamo solo pensare con chi ci alleiamo: il Pd deve dire cosa vuol fare, se vuol parlare agli elettori».

«Il Pd? E’ ancora diviso in piccoli feudi»

Il motivo di rottura si individua nel continuo parlare di alleanze senza però una reale convergenza di programmi e direzioni politiche. «A volte mi sembra di essere l’unico che cerca di dare una visione di futuro, a pensare sia indispensabile un quadro netto di progetti, chiarezza per attuarli. Non basta infatti vincere – ha continuato Irto – bisogna governare, altrimenti torniamo alle sabbie mobili, che poi sono la storia anche di questa terra, la melma dove si impantanano le coalizioni senza identità». Un partito che vuole essere attrattivo non può suddividersi in piccoli feudi, secondo Irto, che giocano a pare gli strateghi per garantirsi una poltrona. «Né in Calabria, né altrove. Purtroppo intravedo questo schema anche al livello di governo: c’è troppa timidezza. Da mesi mi sgolo, ad esempio, affinché si affronti il tema della sanità in regione. Siamo ancora fermi – conclude Irto – salvo l’ultimo confuso decreto che ci fa passare da uno status di regione commissariata, a quello di super commissariata, senza ovviamente alcun impegno economico vero per superare il debito sanitario. Intorno al tema sanità c’è il capitolo infrastrutture, ma neanche su quello si muove nulla. E al governo c’è il Pd: non da mesi, da anni». Irto tira in ballo le correnti presenti all’interno del partito: queste forze, che sono sempre alla ricerca di feudatari, hanno tentato di indebolire il progetto politico della Calabria, con atteggiamenti e messaggi ambigui, trasversali. Senza un confronto chiaro».

«Ho capito che ci sono interessi comuni col centrodestra»

«Ho visto stallo e tatticismo. E ho anche visto che c’è un trasversalismo, in pezzi del centrosinistra calabrese, dovuto ad interessi comuni con pezzi del centrodestra. Ho steso un programma in questi mesi, l’ho condiviso con il vero motore della regione: studenti, imprenditori, terzo settore, professionisti. Sarebbe stato bello concentrarsi su questo. Ma nessuno vuol discutere di contenuti: solo di tattica, credendo di prendere un voto in più. E intendiamoci: allargare la coalizione è una cosa giusta e intelligente, ma non possiamo condannarci a muoverci con il bilancino. La Calabria ha bisogno di iniziare a correre verso il futuro, con un governo chiaro che provi a realizzare ciò che dice di voler fare».

«Non c’è chiarezza sui rapporti coi Cinque stelle»

«Il mio nome ha trovato d’accordo Zingaretti prima e Letta dopo. Ma ci sono stati troppi cambi di linea – dichiara Irto senza indugi – troppe indecisioni, troppi pezzi di partito impegnati ognuno nella sua piccola trattativa. Non si è fatta chiarezza con il movimento Cinque Stelle, ad esempio, tra l’altro non stiamo neanche parlando di una coalizione omogenea sul territorio nazionale: tutt’altro, mi pare». L’ex candidato a governatore sottolinea, inoltre, di aver mostrato la sua disponibilità alla proposta di partecipazione alle primarie da parte di Dalila Nesci del M5s, ma è inaccettabile perdere altro tempo e credibilità per mediare sulle primarie».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x