Ultimo aggiornamento alle 19:18
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Per la Dda di Catanzaro il boss Grande Aracri è un “pentito” inattendibile

I magistrati “bocciano” la collaborazione del capoclan di Cutro. Il sospetto di un «disegno criminoso» dietro la volontà di collaborare. I dubbi di Gratteri e Guarascio: «Lei non è un picciotto…»

Pubblicato il: 09/06/2021 – 15:30
di Alessia Truzzolillo
Per la Dda di Catanzaro il boss Grande Aracri è un “pentito” inattendibile

CATANZARO La Dda di Catanzaro ritiene inattendibile la collaborazione del boss Nicolino Grande Aracri. L’antimafia di Catanzaro lo ha fatto mettere nero su bianco e ha depositato questa mattina una relazione nell’ambito del procedimento che si sta svolgendo davanti al gip di Catanzaro relativo alla richiesta di revoca della sentenza di non luogo a procedere nei confronti di Domenico Grande Aracri. « Nel tempestivo ambito di valutazione delle dichiarazioni del detenuto, l’Ufficio scrivente – è scritto nella relazione vergata dal procuratore capo Nicola Gratteri, dall’aggiunto Vincenzo Capomolla e dai sostituti Domenico Guarascio e Paolo Sirleo – perveniva a conclusivo giudizio di inattendibilità (rectius non credibilità) del dichiarante, con il sospetto peraltro che l’intento collaborativo celasse un vero e proprio disegno criminoso». In sostanza, dopo avere ascoltato in più occasioni il boss di Cutro, la Dda è giunta alla conclusione che « le dichiarazioni del Grande Aracri Nicolino risultano prive di sviluppo investigativo ed anzi, le stesse, devono essere riferite ad una fonte di prova dichiarativa non credibile».

«Lei non è un picciotto». I magistrati perdono la pazienza

Nel corso degli interrogatori davanti ai magistrati si trattano principalmente i casi di omicidio: Franco Arena, Antonio Macrì, Raffaele Dragone, Antonio Dragone, Rosario Ruggero e Pasquale Nicoscia. Alla fine sono gli stessi magistrati a far capire a Grande Aracri che la sua collaborazione è tentennante. «… lei non è il picciotto, lo sgarrista, che può non sapere certe dinamiche omicidiarie in maniera approfondita», gli fa presente il procuratore Guarascio. Alla fine si spazientisce lo stesso procuratore Gratteri: «Grande Aracri, qua non possiamo andare avanti su ogni episodio, su ogni episodio stiamo facendo un processo. Noi, quando un killer, un estorsore, un usuraio, diventa collaboratore di giustizia, si mette a parlare per una settimana e con tremila dettagli…». (a.truzzolillo@corrierecal.it)

• continua •

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb