Ultimo aggiornamento alle 21:00
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la manifestazione

Diritti, casa, lavoro: gli invisibili della Piana tornano a manifestare

Flai Cgil porta a Reggio i braccianti per chiedere un confronto a prefettura e istituzioni. «Non si può continuare a morire di lavoro»

Pubblicato il: 28/06/2021 – 13:58
di Francesco Donnici
Diritti, casa, lavoro: gli invisibili della Piana tornano a manifestare

REGGIO CALABRIA Sono partiti a decine, dalla Piana Gioia Tauro, per darsi appuntamento a Reggio Calabria. Sono gli “invisibili”, ancora un volta in piazza per invocare i loro diritti. Casa, lavoro, documenti. Nel tempo pare essere diventato uno slogan, simile a quelli che la politica usa per strumentalizzare o evadere un problema mentre le tendopoli mutano in baraccopoli in un ciclo che pare essere divenuto perpetuo. «Dite che ci sono persone che da tre anni aspettano i documenti. Scrivetelo», dice Papa, originario del Senegal e stanziale del Bosco di Rosarno. Lui è uno dei tanti guidati dai vertici nazionali di Flai Cgil, oggi rappresentata da Jean-Renè Bilongo e Cgil della Piana di Gioia Tauro, con la segretaria Celeste Logiacco.

manifestazione-braccianti-reggio

L’incontro con il prefetto

«Il prefetto si è dimostrato disponibile all’ascolto per aprire un tavolo di discussione soprattutto sul fronte del rilascio dei permessi e dei documenti» da cui poi discende la possibilità di avere condizioni lavorative più dignitose e, soprattutto, regolari. Per le prime settimane di luglio sarà convocato il Comitato per l’immigrazione. Questa è una delle richieste avanzate dai presenti in piazza questo 28 giugno e accolte dal prefetto Mariani. «Qui ci sono persone, non spettri. E non possiamo continuare a far finta di non vederli», dice Bilongo.

Vittime del lavoro

Gli spettri che aleggiano per le vie sono altri: quello di Camarda Fantamadi, morto di lavoro dopo che un malore lo ha colpito su un campo di raccolta pugliese. Quello di Adil, sindacalista travolto e ucciso da un mezzo pesante nel pieno di una manifestazione. L’elenco è interminabile e giorno dopo giorno si nutre di nuovi nomi. L’urlo della piazza reggina, oggi, è anche per rispettare la loro memoria e portare avanti le loro lotte. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x