Ultimo aggiornamento alle 12:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

cronaca

Viola l’ordinanza restrittiva, ai domiciliari 36enne di Corigliano Rossano

La Polizia ha eseguito la misura a seguito della segnalazione della parte offesa. Il divieto di avvicinamento era scattato dopo una serie di minacce e intimidazioni

Pubblicato il: 18/07/2021 – 18:55
Viola l’ordinanza restrittiva, ai domiciliari 36enne di Corigliano Rossano

CORIGLIANO ROSSANO Eseguito Misura Cautelare Degli Arresti Domiciliari a carico di B.R., incensurato, resosi responsabile di plurime violazioni al divieto di avvicinamento alla parte offesa.
Lo scorso 17 luglio gli uomini della Squadra di Pg del Commissariato di Corigliano-Rossano, diretto dal Cataldo Pignataro, all’esito di una serrata attività di indagine, hanno ottemperato all’Ordine di Esecuzione della Misura Cautelare Personale degli Arresti Domiciliari nei confronti di B.R. classe 85 residente in Corigliano Rossano ex area urbana di Rossano. L’ordinanza di applicazione della misura, è stata richiesta dal pubblico ministero Luca Primicerio.
Il provvedimento scaturisce come aggravamento della misura coercitiva del Divieto di Avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, che già in data 30 novembre 2020 aveva colpito il B.R. a seguito di alcune denunce da parte della vittima stanca di subire minacce e danneggiamenti.
Nonostante il divieto, B.R., nel periodo attenzionato, aveva trasgredito diverse volte i provvedimenti impostogli, determinando, nel mese di maggio 2021 un aggravamento della misura consistente nel Divieto di Dimora nell’area urbana di Rossano.
In particolare, l’attività investigativa, si è svolta documentando le numerose violazioni, nonché, le denunce sporte dalla parte offesa, come nell’ultimo l’episodio accaduto pochi giorni addietro, dove all’interno di un noto locale notturno del lungomare dell’area urbana di Rossano, frequentato dalla Parte Offesa, richiedeva l’intervento delle forze dell’ordine che procedevano ad identificare il B.R., invitandolo successivamente ad allontanarsi in osservanza ai provvedimenti giurisdizionali restrittivi emessi nei suoi confronti.
Gli elementi probatori raccolti, l’inosservanza alle prescrizioni, la noncuranza nonché lo sprezzo verso ogni forma di controllo dell’autorità, hanno consolidato, infine, le ipotesi investigative che, hanno consentito all’emissione del decreto odierno da parte del Tribunale di Castrovillari.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.c.a.r.l. ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Design: cfweb