Ultimo aggiornamento alle 8:38
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

l’iniziativa

Crotone, nasce il comitato per la valorizzazione e la tutela della foce del Neto

Raccolte già 84 adesioni. Il promotore, Aldo Iozzi: «Non si può classificare un’area come Zps e poi abbandonarla al degrado»

Pubblicato il: 02/09/2021 – 14:37
Crotone, nasce il comitato per la valorizzazione e la tutela della foce del Neto

CROTONE La Zps della provincia di Crotone è vastissima ed interessa, oltre al Marchesato ed alla foce del fiume Tacina, tutta la valle del Neto fino alla foce, con estensioni lungo la costa a nord (comune di Strongoli) ed a sud (comune di Crotone). L’area si affianca al sito di interesse comunitario. Aldo Iozzi, promotore dell’iniziativa, e Antonio Giardino hanno già ricevuto 84 adesioni di cittadini pronti a sostenere il progetto di riqualificazione dell’area a nord della città.
«È impensabile classificare una area così vasta e potenzialmente attrattiva – afferma Iozzi- come Zps e poi lasciarla al degrado. Ormai si tratta, continua il promotore, di una discarica di rifiuti e di amianto, che se non fermata rischia di diventare un problema ambientale di dimensioni macroscopiche. Il fine del comitato è esclusivamente quello di accendere i riflettori su “l’oasi” del Neto, di immenso valore naturalistico e che deve diventare una risorsa per la Calabria. La prima riunione operativa si terrà il 12 settembre per capire insieme ai tecnici ( componenti del comitato) quali sono i riferimenti normativi e come poter intervenire ad esclusivo interesse del territorio».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x