Ultimo aggiornamento alle 11:21
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Il caso

All’Asp di Crotone finiti i soldi covid: «Stop al pagamento delle prestazioni straordinarie»

Annuncio del commissario straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale: «Verranno pagati appena la Regione ripristinerà le risorse»

Pubblicato il: 29/09/2021 – 17:24
di Gaetano Megna
All’Asp di Crotone finiti i soldi covid: «Stop al pagamento delle prestazioni straordinarie»

CROTONE All’Azienda sanitaria provinciale di Crotone non ci sono più fondi per pagare le spettanze a medici ed infermieri impegnati in prestazioni aggiuntive per le vaccinazioni Covid. «I fondi regionali al pagamento delle prestazioni aggiuntive svolte dal personale medico e infermieristico in servizio presso i centri vaccinali aziendali del Crotonese sono attualmente esauriti». A informare gli interessati della situazione venutasi a creare è stato il commissario dell’Asp pitagorica Domenico Sperlì con una nota inviata ai settori di competenza. Coloro che hanno maturato spettanze economiche, per ore lavorative di attività già effettuate, saranno remunerati non appena la Regione Calabria provvederà ad una successiva e «specifica rimessa economica». Se la rimessa non dovesse esserci le ore di lavoro prestate, però, rischiano di non essere remunerate. Secondo quanto è stato possibile apprendere la prima trance di fondi (quella esaurita) è stata in parte impegnata anche per pagare attività amministrative prestate, anche queste, in prestazioni aggiuntive.
Non sarebbero stati, quindi, remunerati esclusivamente medici ed infermieri impegnati con le somministrazioni dei vaccini a diretto contatto con i pazienti della provincia di Crotone, ma anche altro personale. Dalla nota diffusa oggi da Sperlì non si evince se è prevista la copertura finanziaria anche per medici ed infermieri che hanno dato la disponibilità a continuare nell’impegno della somministrazione dei vaccini. Nella nota, infatti, si fa riferimento solo alle ore già maturate che dovrebbero appunto essere retribuite quando la Regione Calabria provvederà alla rimessa di una nuova somma. Se questa rimessa non dovesse avvenire il pagamento potrebbe però saltare. (redazione@corriererecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x