Ultimo aggiornamento alle 9:34
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il caso

Omicidio Bruzzese, il fratello del pentito non era il primo della lista

Secondo le indagini, che hanno portato a tre fermi, nel mirino ci sarebbe stato qualcun altro della famiglia che viveva sotto protezione a Pesaro

Pubblicato il: 05/10/2021 – 20:05
Omicidio Bruzzese, il fratello del pentito non era il primo della lista

ANCONA Un altro obiettivo prima di colpire Marcello Bruzzese. Non c’era lui tra i primi della lista che la cosca Crea di Rizziconi voleva uccidere per vendetta contro il fratello Girolamo Biagio Bruzzese, pentito che aveva attentato alla vita dei vertici della cosca. Emerge dalle indagini dei carabinieri del Ros coordinate dalla Procure distrettuali antimafia di Ancona e Reggio Calabria. Nel mirino ci sarebbe stato qualcun altro della famiglia di Bruzzese, che ormai viveva da anni sotto protezione a Pesaro. Cosa e perché li abbia fatti poi dirottare proprio sul 51enne, ucciso con venti colpi di pistola il 25 dicembre del 2018, a pochi passi dall’abitazione di via Bovio dove era arrivato in auto, è ancora al vaglio degli inquirenti. Per un anno i tre sottoposti a fermo all’alba di ieri, Francesco Candiloro, 42 anni e Michelangelo Tripodi, 43 anni (autori materiali del delitto), e il loro complice Rocco Versace, 54 anni, hanno fatto base nel Riminese.
Lì andavano sicuramente a dormire per non dare nell’occhio. Per gli spostamenti con le targhe delle auto clonate hanno utilizzato una Fiat 500L e una Fiat Panda, attualmente introvabili. Entro giovedì sono previste le convalide dei fermi che saranno attuate nelle Procure dove ricadono le carceri in cui sono reclusi: Brescia, Vibo Valentia e Palmi. I tre sono accusati di omicidio premeditato aggravato dall’associazione mafiosa, porto e detenzione illegale di armi. «Il lavoro dei Ros è stato di qualità elevata – sottolinea la procuratrice distrettuale antimafia delle Marche, Monica Garulli –. Ora è tutto al vaglio dei giudici. Noi abbiamo coordinato ma i carabinieri hanno speso tempo e sacrifici personali».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x