Ultimo aggiornamento alle 21:12
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

le indagini

Riciclava denaro in Polonia, arrestato imprenditore calabrese coinvolto in “Stige”

L’uomo è residente a Prato ed è stato fermato su mandato europeo. Le false fatture per evadere il Fisco e l’ombra della ‘ndrangheta

Pubblicato il: 06/11/2021 – 10:28
Riciclava denaro in Polonia, arrestato imprenditore calabrese coinvolto in “Stige”

PRATO Fatture false per evadere il fisco e riciclare denaro di dubbia provenienza per 460mila euro attraverso un’attività imprenditoriale in Polonia. Con queste accuse i carabinieri hanno arrestato a Prato, su mandato europeo emesso dall’autorità giudiziaria polacca, un imprenditore 49enne pratese originario di Crotone, già noto alle forze dell’ordine e considerato dagli inquirenti in odore di ‘Ndrangheta. Si tratta, secondo quanto riporta Il Tirreno, di Antonio Manica che è stato rintracciato mercoledì 3 novembre nella sua abitazione e portato nel carcere della Dogaia. L’arresto è arrivato in seguito a un mandato emesso dalla corte distrettuale di Lublino il 31 dicembre 2020. La magistratura polacca accusa Manica di falsificazione di documenti finalizzata all’evasione fiscale e al riciclaggio, in particolare di aver costituito, insieme ad altri quattro calabresi una società, la Spolka Z Oo con Sede a Lublino, che avrebbe emesso fatture per operazioni inesistenti, pari a 460mila euro, a favore di un’altra società, la Stavby Gm Sro con sede a Praga.
Già in passato l’uomo fu arrestato dai militari del Ros di Catanzaro perché coinvolto nell’indagine “Stige”, per associazione a delinquere di stampo mafioso legata alla
‘Ndrangheta.
Per gli investigatori polacchi il 49enne, in associazione con altre quattro persone calabresi, aveva dato vita ad una ditta di vendita merci e servizi con sede a Lublino che emetteva false fatture nei confronti di un’altra società con sede a Praga per riciclare denaro e evadere il fisco. L’uomo si trova nel carcere di Prato a disposizione della corte d’appello di Firenze che ieri ha deciso di non mettere il 49enne a disposizione dell’autorità giudiziaria polacca, ed ha sostituito l’arresto con l’obbligo di dimora nelle province di Firenze e Prato e con il divieto d’allontanarsi dal suo domicilio durante le ore notturne per dargli modo di poter continuare a lavorare come contabile di una ditta edile di Campi Bisenzio in provincia di Firenze.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x