Ultimo aggiornamento alle 9:45
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la sentenza

Processo “Trash”, in Appello 4 condanne e 5 assoluzioni

Conferme nel giudizio nato dall’indagine sugli interessi della cosca nel settore dello smaltimento rifiuti. Prosciolto Orazio De Stefano

Pubblicato il: 11/11/2021 – 21:23
Processo “Trash”, in Appello 4 condanne e 5 assoluzioni

REGGIO CALABRIA Confermata l’assoluzione per Orazio De Stefano alla quale si aggiungono due nuove assoluzioni e sconti di pena per gli altri imputati.
La Corte d’appello di Reggio Calabria, seconda sezione penale, ha emesso oggi la sentenza del processo “Trash”. Si tratta dell’appello del processo celebrato in abbreviato e scaturito dall’operazione condotta dalla Squadra Mobile, sfociata l’11 maggio 2017 con cinque fermi per presunti esponenti di vertice ed affiliati di rilievo della famiglia De Stefano di Reggio Calabria, ritenuti presunti responsabili, a vario titolo, dei delitti di associazione mafiosa e varie estorsioni aggravate dalla circostanza di aver agevolato la cosca della ‘ndrangheta reggina.
L’indagine ha fatto luce sugli interessi economici e le modalità di infiltrazione nel lucroso settore imprenditoriale dello smaltimento dei rifiuti da parte della potente cosca di ‘ndrangheta dei De Stefano, egemone nella città di Reggio Calabria, sia in seno alla società a partecipazione pubblica Fata Morgana – creata dal Comune per la raccolta dei rifiuti nel comprensorio dell’Ato (Ambito Territoriale Ottimale) n. 5 e dichiarata fallita in data 10.07.2012 – sia nel settore delle società private dell’indotto ad essa collegato. I giudici di secondo grado hanno respinto l’appello della Procura nei confronti di Orazio De Stefano, dichiarando di conseguenza inammissibile l’appello incidentale di quest’ultimo, che vede confermata quindi la sua assoluzione in primo grado, nonostante il pm avesse invocato dinanzi al gup la condanna a 13 anni. Assolti perché il fatto non sussiste Vincenzo Torino (6 anni in primo grado) e Andrea Saraceno (14 anni in primo grado), difeso dagli avvocati Natale Polimeni e Manlio Morcella. Per gli altri appellanti significativi sconti con la pena così rideterminata: Paolo Caponera (difeso dagli avvocati Natale Polimeni e Francesco Calabrese) 12 anni e 8 mesi di reclusione e 2.200 euro di multa (in primo grado 18 anni); Paolo Rosario De Stefano 14 anni di reclusione e 2.400 euro di multa (in primo grado 20 anni); Andrea Giungo 8 anni e 8 mesi e 1600 euro di multa (in primo grado 14 anni); Giuseppe Praticò 9 anni e 4 mesi di reclusione e 1400 euro di multa (in primo grado 18 anni). Per Giungo e Praticò la corte d’appello ha anche ridotto la durata della misura di sicurezza della libertà vigilata rispettivamente a 2 e a 1 anno.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x