Ultimo aggiornamento alle 23:37
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il processo

“Katarion”, le nuove leve del clan Muto e le pesanti richieste in abbreviato

Sarebbero due le attività principali del core business del sodalizio criminale: lo spaccio di droga e le estorsioni

Pubblicato il: 24/12/2021 – 14:40
“Katarion”, le nuove leve del clan Muto e le pesanti richieste in abbreviato

COSENZA Sarebbero due le attività principali del core business del sodalizio criminale legato al clna Muto di Cetraro: lo spaccio di droga e le estorsioni. Nell’inchiesta denominata “Katarion” e condotta nel marzo del 2021, sono 48 gli indagati e 68 i capi di imputazione contestati. Traffico di sostanze stupefacenti aggravato dalla disponibilità di armi e dall’agevolazione della cosca, e ancora «associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti; produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti; estorsione, tentata e consumata, aggravata dal ricorso al metodo mafioso; detenzione illegale di armi da fuoco». Circa 250 gli episodi di cessione di stupefacente documentati dalle attività investigative, fino agli episodi estorsivi che in tre casi hanno riguardato imprenditori e commercianti della zona. Gli investigatori sono convinti di aver assestato un duro colpo al clan Muto di Cetraro.

L’abbreviato e le richieste del Pm

Sono 12 gli indagati che hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato. Il pubblico ministero Romano Gallo, nel corso dell’ultima udienza ha richiesto pene pesanti per gli imputati: Giuseppe Antonuccio, (difeso dall’avvocato Cesare Badolato), 14 anni di carcere; Mario Cianni (avvocati Giuseppe Bruno e Armando Sabato), 20 anni; Poldino Cianni (Avvocato Cesare Badolato) 9 anni; Annaelisa Esposito (avvocato Francesco Liserre), 4 anni 8 mesi; Flavio Graziosi (avvocati Cesare Badolato e Giovanni Salzano), 9 anni e 6 mesi; Alessio Presta (avvocato Francesco Liserre) 7 anni; Alfonso Scaglione (avvocato Antonio Crusco) 8 anni; Maurizio Tommaselli (avvocato Marco Bianco), 10 anni; Luigi Tundis (avvocato Cesare Badolato), 10 anni; Franco Valente (avvocato Rossana Cribari), 14 anni; Gianluca Vitale (avvocati Riccardo Errigo, Giuseppe Bruno e Armando Sabato), 12 anni e infine per Concettina Zicca (difesa dagli avvocati Armando Sabato e Giuseppe Bruno) sono stati chiesti 9 anni. Due le udienze calendarizzate nel 2022, prima delle decisione del Gup che dovrebbe arrivare a marzo del prossimo anno.

La forza del clan Muto

Nel fornire i dettagli dell’inchiesta “Katarion”, il procuratore della Dda di Catanzaro Nicola Gratteri aveva sottolineato, nel corso della conferenza stampa, il forte radicamento sul territorio della famiglia Muto e la capacità di trovare alleati e sodali in grado di portare avanti i business illeciti. Dopo l’operazione denominata “Frontiera”, gli esponenti della cosca avrebbero rivisto l’assetto organizzativo e continuato a controllare il territorio. (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x