Ultimo aggiornamento alle 20:45
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La requisitoria

“Raccordo-Sistema”, chieste 6 condanne. E l’assoluzione per don Nuccio Cannizzaro

L’ex parroco di Condera coinvolto in una presunta vicenda di ‘ndrangheta. Tra gli altri imputati invocati 15 anni e 6 mesi per Santo Crucitti

Pubblicato il: 02/02/2022 – 17:25
“Raccordo-Sistema”, chieste 6 condanne. E l’assoluzione per don Nuccio Cannizzaro

REGGIO CALABRIA Il sostituto procuratore generale di Reggio Calabria, Antonio Giuttari, nel corso della requisitoria nell’appello del processo “Raccordo-Sistema”, ha chiesto la conferma della sentenza assolutoria di primo grado per don Nuccio Cannizzaro, ex parroco del quartiere reggino di Condera e in passato cerimoniere del vescovo, coinvolto in una presunta vicenda di ‘ndrangheta. Il collegio del Tribunale presieduto da Andrea Esposito, in primo grado aveva assolto il prelato, difeso dall’avvocato Giacomo Iaria, dall’aggravante mafiosa e rilevato al contempo la prescrizione per falsa testimonianza.

I fatti

I fatti che avevano coinvolto il sacerdote hanno avuto inizio nel 2004, anno in cui l’imprenditore Tiberio Bentivoglio si rivolse a lui affinché svolgesse il ruolo di assistente spirituale di un’associazione socio-culturale. Una richiesta cui il prete avrebbe opposto un rifiuto, accompagnato dall’invito a non dar seguito alla realizzazione della onlus. Sulla base di quanto ipotizzato dalla Procura della Repubblica, il parroco, in un colloquio con il presunto boss di Condera, Santo Crucitti, ed avente ad oggetto quanto sostenuto al suo avvocato, gli avrebbe riferito: «Vai a leggerti le carte e vedrai come ho testimoniato a favore tuo». Parole captate nel corso di una conversazione intercettata all’interno dell’automobile del presule a proposito delle quali lo stesso don Nuccio Cannizzaro aveva fornito la sua versione quando fu sottoposto ad interrogatorio. L’imprenditore Bentivoglio è impegnato in una lotta contro il racket, ha denunciato i suoi estortori e, oltre ad essere stato vittima di un tentato omicidio, è stato destinatario di numerose minacce e danneggiamenti.
Per quanto riguarda gli altri imputati, il pg ha invocato la condanna a 15 anni e 6 mesi per Santo Crucitti, difeso da Francesco Calabrese e Davide Barillà; a 9 anni di reclusione per Antonino Gennaro Crucitti, difeso da Francesco Calabrese e Davide Barillà; a 10 anni per Francesco Gullì, ex direttore della filiale reggina della Banca Popolare di Lodi, difeso da Antonino Quero; a 3 anni per Carmine Polimeni, Domenico Polimeni e Michele Crudo, difesi da Francesco Calabrese, Davide Barillà e Gianfranco Giunta. Il pg, infine, ha chiesto di dichiarare la prescrizione per Loredana Barchetta, difesa da Natale Polimeni, e per Nicola Pellicanò, difeso da Vincenzina Leone e Renato Russo, e per Consolato Marcianò, difeso da Renato Russo e deceduto nelle more del processo.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x