Ultimo aggiornamento alle 14:56
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la sentenza

Diamante, estorsione sessuale ad un professore. Ridotta la condanna ad una donna di Scalea

La decisone della Corte d’Appello di Catanzaro. La donna chiese 2000 euro al docente per non rivelare ai familiari i contenuti del “tradimento”

Pubblicato il: 04/03/2022 – 8:01
Diamante, estorsione sessuale ad un professore. Ridotta la condanna ad una donna di Scalea

COSENZA La Corte di Appello di Catanzaro, a seguito di concordato tra le parti, ha rideterminato, in due anni di reclusione ed una multa di cinquecento euro, la condanna nei confronti della giovane donna di Scalea, imputata di estorsione aggravata a sfondo sessuale a danno di un noto insegnante di Diamante, in pensione.

Il processo

In primo grado, a seguito di giudizio abbreviato, la donna era stata condannata a 3 anni e 4 mesi di reclusione, con l’interdizione per 5 anni dai pubblici uffici, oltre al pagamento di una provvisionale e delle spese processuali in favore della costituita parte civile.
L’imputata, difesa dall’avvocato Giuseppe Mandarino, è stata accusata di estorsione a sfondo sessuale nei confronti di un anziano insegnante di Diamante. La vittima, difesa dall’avvocato Francesco Liserre, si è costituita parte civile nei confronti dell’imputata.
Alla donna, si contestava il reato di concorso in estorsione aggravata perché «con soggetto non identificato minacciando la persona offesa, insegnante in pensione, coniugato e con figli, con il quale aveva in più occasioni avuto rapporti sessuali, di divulgare e informare i suoi familiari della relazione extraconiugale se non avesse consegnato 2.000 euro quale prezzo del silenzio, costringendo quindi il predetto a consegnarle il denaro, si procurava un ingiusto profitto pari a 100 euro, effettivamente consegnati dalla vittima, con l’aggravante di aver commesso il fatto nei confronti di persona ultrasessantacinquenne». La vittima, subito dopo aver ricevuto la prima minaccia telefonica legata alla consegna del denaro, ha denunciato tutto ai carabinieri di Diamante. I militari, hanno poi sorpreso in flagrante la coppia di estorsori. L’operazione ha portato all’arresto della giovane donna nei pressi di un distributore di benzina di Scalea, subito dopo la consegna da parte della persona offesa della somma di denaro. Successivamente, il gip, dopo aver convalidato l’arresto, aveva disposto nei confronti della donna la sostituzione della misura della custodia cautelare in carcere, con quella dell’obbligo di presentazione alla pg.

Il rito abbreviato

Nel corso della discussione del giudizio abbreviato, il pm e l’avvocato Liserre, hanno richiesto l’affermazione della penale responsabilità dell’imputata. L’avvocato Mandarino, invece, aveva invocato l’assoluzione della propria assistita. La Corte di Appello di Catanzaro, ritenendo «le circostanze generiche prevalenti sulla contestata aggravante», ha rideterminato, in due anni di reclusione la condanna per estorsione a sfondo sessuale. (f.b.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x