Ultimo aggiornamento alle 23:46
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

il leone socialista

Martelli ricorda Mancini: «Un leader, lo ammiravo. La scissione? Il suo unico errore politico» – FOTO E VIDEO

«Fu determinante per l’elezione a segretario di Craxi». E sulla storia politica attuale: «L’oblio avanza inesorabile, cerco di difendermi»

Pubblicato il: 08/04/2022 – 20:48
Martelli ricorda Mancini: «Un leader, lo ammiravo. La scissione? Il suo unico errore politico» – FOTO E VIDEO

COSENZA «Ho conosciuto e a lungo frequentato Giacomo Mancini, ne avevo enorme stima e credo che mi volesse bene. In particolare quando mi congedai dalla vita politica venne a trovarmi e tentò di dissuadermi dal farlo, “sono ancora avvocato” mi disse e aggiunse “non sono mica male posso aiutarti”. Non avevo dubbio alcuno». Claudio Martelli ricorda Giacomo Mancini. E lo fa – al Teatro Rendano di Cosenza – in occasione di un convegno organizzato per il ventennale della morte del “Leone socialista”. Ministro, uomo di governo, leader di razza e sindaco di Cosenza, Mancini è senza alcun dubbio il politico calabrese più longevo. «Io, Mancini, Craxi, siamo tutti figli di Pietro Nenni – continua Martelli – convinti che l’autonomia per il partito socialista era come l’aria per respirare».

Giacomo Mancini jr. – Claudio Martelli

«L’errore politico di Mancini»

Ma il delfino di Craxi ricorda un periodo particolarmente tormentato della vita del partito socialista, uno dei tanti. «Mancini si convinse di dover essere essere il segretario del Partito Socialista unificato ma Saragat, all’epoca Presidente della Repubblica e leader dei socialdemocratici si oppose. Seguì la rottura e la scissione, questo fu un grave errore politico», confessa Martelli. Che aggiunge: «Giacomo fu decisivo nell’elezione a segretario di Craxi, ma il modo autoritario di governare il partito da parte di Bettino e il temperamento di Giacomo hanno creato una fase di conflitto, superata nel congresso di Palermo del 1981».

Claudio Martelli

L’incontro con Sandro Principe

Ad attendere l’arrivo di Martelli al Teatro Rendano, anche l’ex sindaco di Rende Sandro Principe. Martelli si avvicina e scambia qualche battuta con il politico socialista rendese, e strappa la promessa di un imminente ritorno in Calabria, nel comune a lungo guidato da Principe per presentare il suo ultimo libro.

Sandro Principe – Giacomo Mancini jr. – Claudio Martelli

«L’oblio circonda la politica italiana»

Sul presente, Martelli si mostra assai critico. «Se restasse la storia non sarebbe male, l’oblio che circonda tutta la storia politica italiana, non solo quella socialista, avanza a passi inesorabili e cerco di resistere, anche se a fatica». «Non sono un cultore del passato – aggiunge – ho scritto un libro che si chiama “Ricordati di vivere” che è il contrario di vivere di ricordi. Ne sono convinto, così come sono convinto che senza lotta non c’è speranza».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x