Ultimo aggiornamento alle 22:15
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la decisione

I borghi calabresi e lo smart working, la proposta di legge presentata da Amalia Bruni – VIDEO

La consigliera regionale: «Stamattina ho depositato la proposta presso l’Ufficio Legislativo del Consiglio Regionale»

Pubblicato il: 19/04/2022 – 10:09
I borghi calabresi e lo smart working, la proposta di legge presentata da Amalia Bruni – VIDEO

CATANZARO «Uno dei problemi che maggiormente assillano il Sud e la Calabria, secondo analisi e dati precisi, è quello dello spopolamento delle aree interne, una questione che rischia di compromettere per sempre la rinascita di questa terra. Già nella scorsa campagna elettorale avevo ben presente quanto fosse importante per queste zone trovare una soluzione che ponesse rimedio alla desertificazione dei nostri borghi. Ecco perché, lunedì 11 aprile, abbiamo fatto una lunga e proficua riunione operativa organizzata con Francesco Liotti, Presidente dell’Associazione Calabria Condivisa, e con  il professore Francesco Maria Spanò, redattore del disegno di legge sullo Smart working  per contrastare lo spopolamento nei piccoli comuni calabresi, e per questo, stamattina ho depositato la proposta presso l’Ufficio Legislativo del Consiglio Regionale. Per maggiore informazione, nell’incontro a cui hanno preso parte anche Ernesto Mancini, Andrea Casile, Guerino Nisticò e i tecnici della mia struttura, si è discusso articolo per articolo la norma proposta dall’Associazione a tutti i consiglieri, valutando anche le opportune modifiche/integrazioni con l’intento di migliorare il testo in relazione al contesto ed alla normativa regionale, così da poter concretizzare la possibilità di realizzare le attività in essa contenute. Siamo stati tutti d’accordo nel considerare l’implementazione dello smart working come strumento utile per una valorizzazione delle aree interne e per un contrasto efficace dello spopolamento di queste aree che rappresentano una parte importante del territorio calabrese. La misura, potrebbe sicuramente rappresentare un’ulteriore occasione di stimolo per potenziare tutte le infrastrutture, in particolare quelle che riguardano la connessione digitale, inserendosi all’interno di una programmazione più ampia che prevede diversi canali di finanziamento già in corso quali il PNRR, il POR, i fondi della SNAI (Strategia Nazionale delle Aree Interne), oltre agli altri Fondi Europei Diretti. In questa prospettiva, come più volte sottolineato, è fondamentale il pieno coinvolgimento dei sindaci (tramite l’ANCI), delle comunità locali e di tutti gli stakeholders che potrebbero essere interessati, a vario titolo, e per i quali potrebbero essere previste delle premialità o incentivi. Nei prossimi giorni abbiamo già previsto altri incontri con l’intento di promuovere una riflessione quanto più possibile condivisa». E’ quanto dichiara, Amalia Bruni, leader dell’opposizione in Consiglio Regionale.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x