Ultimo aggiornamento alle 20:26
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

lo studio

L’Iss: «I vaccini hanno evitato quasi 2mila morti in Calabria»

I risultati dell’analisi condotta dall’Istituto superiore di sanità. Evitati 84mila casi e oltre 6.600 ricoveri (più di mille in terapia intensiva)

Pubblicato il: 19/04/2022 – 22:27
L’Iss: «I vaccini hanno evitato quasi 2mila morti in Calabria»

CATANZARO Complessivamente, tra gennaio 2021 e gennaio 2022, grazie alla copertura vaccinale, in Calabria sono stati evitati circa 84mila casi di Covid, oltre 6.600 ricoveri, 1.089 ricoveri in terapia intensiva e circa 1.900 decessi. Le stime arrivano da uno studio condotto dall’Istituto superiore di sanità basato sull’assunto secondo cui l’impatto della campagna vaccinale su contagi, ricoveri e decessi possa essere stimato combinando i dati a disposizione dell’efficacia vaccinale, la copertura vaccinale e il numero di contagi, ricoveri e decessi osservati. In quel periodo, si sono osservati invece, nella regione, 114.618 casi di infezioni, 4.697 ospedalizzazioni, 636 ricoveri in terapia intensiva e 1.126 decessi.

Il metodo della ricerca

I calcoli dell’Iss partono dall’11 gennaio 2021, data scelta per tenere conto delle prime due settimane dall’avvio della campagna vaccinale, necessarie perché emergessero, sull’andamento della pandemia, i primi effetti delle somministrazioni. L’Iss ha preso poi in considerazione solo i ricoveri e i decessi avvenuti 30 giorni dopo le diagnosi di infezione. Il numero di contagi, ricoveri e morti evitati è stato calcolato in sostanza partendo dalla media settimanale degli eventi osservati e della copertura vaccinale settimanale, differenziando per regione, stime mensili sull’efficacia vaccinale e fasce di età.

«In Italia evitati 150mila decessi e oltre 500mila ricoveri»

«Complessivamente, durante il periodo analizzato, sono stati evitati circa 8 milioni di infezioni, oltre 500 mila ricoveri, oltre 55 mila ricoveri in terapia intensiva e circa 150 mila decessi», ha scritto l’Iss nella sua analisi riferendosi a tutto il territorio nazionale. I dati per età mostrano che i vaccini hanno evitato il 56 per cento dei decessi attesi sotto i 60 anni, il 64 per cento tra i 60 e i 69 anni, il 67 per cento tra i 70 e i 79 anni e il 78 per cento tra gli over 80.
L’elevata copertura vaccinale italiana raggiunta nella seconda metà del 2021 ha permesso di affrontare l’ondata autunnale e invernale con un numero di casi gravi di Covid-19 sensibilmente minore di quello che si avrebbe avuto senza vaccini. A fronte di un’elevata diffusione del coronavirus la pressione ospedaliera è rimasta molto più bassa che in passato. (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x