Ultimo aggiornamento alle 20:29
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

dal parlamento

Cis Calabria in ritardo, Viscomi interroga la ministra Carfagna

ROMA «Il ritardo nella sottoscrizione del Contratto istituzionale suscita notevoli ed intuibili timori». Di conseguenza, il parlamentare del Partito democratico Antonio Viscomi chiede «quali saran…

Pubblicato il: 28/04/2022 – 17:31
Cis Calabria in ritardo, Viscomi interroga la ministra Carfagna

ROMA «Il ritardo nella sottoscrizione del Contratto istituzionale suscita notevoli ed intuibili timori». Di conseguenza, il parlamentare del Partito democratico Antonio Viscomi chiede «quali saranno i tempi della chiusura della procedura di valutazione e di finanziamento dei Progetti relativi al Cis Calabria “Svelare la bellezza” e quali iniziative (il ministro per il Sud e la coesione territoriale, ndr) intenda assumere per assicurarne un sollecito esame». È la chiosa dell’interrogazione parlamentare indirizzata dal deputato calabrese a Mara Carfagna alla luce degli “stop and go” nella procedura, che si sarebbe dovuta completare entro marzo 2022. Viscomi ricorda che «su iniziativa del Ministero interrogato, ed a seguito del Tavolo istituzionale del 19 ottobre 2021, è stato formalizzato l’avviso per la presentazione di Progetti da parte dei Comuni Calabresi a valere sui Contratti Istituzionali di Sviluppo, ai fini del finanziamento di un unico CIS Calabria denominato “Svela la Bellezza”». E che «a seguito del Tavolo tecnico e della nota del 21/10/2021 dell’Agenzia Territoriale di Coesione, incaricata, unitamente a Invitalia, di coordinare il CIS Calabria, sono state svolte numerose riunioni territoriali per sollecitare la presentazione di Progetti di qualità entro la scadenza del 22 novembre 2021, successivamente prorogata al 15 dicembre 2021». Alla data fissata sono pervenuti «circa 1.180 progetti, promossi da 345 soggetti (Enti Locali e Associazioni di Comuni), per un importo superiore a 1,4 miliardi di euro», poi «raggruppati per tematica e istruiti in via preliminare dalla Regione Calabria in ordine alla coerenza degli stessi rispetto alle strategie di sviluppo regionale». I progetti sono stati «quindi trasmessi in data 14 gennaio 2022 all’Agenzia di Coesione e a Invitalia per la selezione e valutazione finale, atteso che era stato comunicato ai Comuni che l’istruttoria di valutazione sarebbe stata conclusa entro febbraio 2022 e che entro la metà di marzo sarebbe stato sottoscritto il Contratto Istituzionale di Sviluppo Calabria». Da metà marzo è trascorso più di un mese e mezzo. E la preoccupazione per il ritardo ha indotto il parlamentare a chiedere conto alla ministra. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x