Ultimo aggiornamento alle 13:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

le elezioni nel capoluogo

Catanzaro, Fiorita: le politiche culturali vanno radicalmente riscritte

Il candidato sindaco del centrosinistra lancia il progetto della “Città della Musica” e sottolinea il ruolo del Museo del rock

Pubblicato il: 15/05/2022 – 16:34
Catanzaro, Fiorita: le politiche culturali vanno radicalmente riscritte

CATANZARO “Le politiche culturali a Catanzaro vanno radicalmente riscritte. C’è bisogno di partecipazione, altrimenti il potenziale di crescita per la città sarà vanificato”. Così Nicola Fiorita, candidato sindaco per il centrosinistra a Catanzaro. “È un’idea – prosegue Fiorita – che abbiamo già espresso e che ho ribadito nel corso del confronto tra i candidati sindaco, organizzato da Ama Calabria, che ringrazio per l’invito unitamente al suo direttore artistico, Francesco Pollice. L’occasione di dare un nuovo governo al capoluogo è cruciale per il comparto della cultura. Parliamo di un ambito che in anni recenti ha dimostrato una vivacità e una vitalità uniche in tutto il panorama calabrese, con un’offerta che non trova paragoni altrove. E non è un caso se dopo il biennio drammatico della pandemia, la ripartenza si presenta già ricca di appuntamenti. Ma occorre appunto la partecipazione. Gli operatori culturali debbono poter svolgere pienamente, più di quanto già non facciano, la loro funzione di creare tessuto sociale nel senso più ampio del termine, garantendo un’offerta di qualità, aggregando, favorendo gli scambi all’interno della comunità, rafforzandone i tratti identitari. Solo così la cultura, pur restando nutrimento dell’anima, riesce anche a essere processo di crescita civile e fattore di sviluppo economico. A Catanzaro, invece, le politiche culturali sono state tutt’altro. Niente partecipazione, niente progetto, niente visione. Solo la buona volontà dei singoli operatori, animati dall’amore per il proprio lavoro e da uno spirito di sacrificio più unico che raro.  A poco vale aver firmato in piena campagna elettorale il protocollo per un ipotetico Politecnico delle Arti. Una caduta di stile del sindaco Abramo che però non basta a nascondere un dato di fatto: oggi la cultura a Catanzaro è stata appaltata a poche persone che, rivestendo contemporaneamente più ruoli, accentrano totalmente le decisioni, la spesa, i finanziamenti. Sia chiaro: la filosofia di unire le esperienze culturali dei soggetti interessati all’Alta Formazione è giusta. Credo però – rileva Fiorita – che le linee guida di questo percorso debbano essere prerogativa del Consiglio comunale e non di una ristretta cerchia che evidentemente punta a gestire in maniera verticistica tale processo. Dovrà essere la massima assemblea elettiva a decidere sulle politiche culturali, pronunciandosi sulle decisioni, i protocolli e le intese decise d’imperio da Abramo e dalla ristretta cerchia di persone che con lui hanno fatto il bello e il cattivo tempo”. Fiorita quindi aggiunge: “Sulle politiche culturali, il progetto che noi offriamo alla città poggia su alcune idee-forza, semplici, chiare, realizzabili. In ambito musicale, pensiamo a una vera e propria Città della Musica, Sono veramente molto orgoglioso degli endorsment ricevuti da artisti del calibro di Eman, Ettore Castagna e Januaria Carito. Talenti indiscussi che si sono affermati nei rispettivi filoni musicali e che comunque non sono i soli ad avere percorso la strada del successo. Da decenni Catanzaro e la musica hanno un rapporto privilegiato. Non è un caso che in città sia nato il Museo del Rock, una realtà che i tantissimi personaggi di caratura nazionale e internazionale che vi sono passati hanno definito senza indugio unica in Italia. Il Museo non può essere lasciato sulle sole spalle del suo fondatore e di pochi altri appassionati. Merita un grande progetto, all’altezza del ruolo culturale che svolge. C’è bisogno di un sito, di un catalogo, di una strategia di comunicazione ma anche di attrazione su più fronti. Il Museo del Rock potrebbe essere fulcro di progetti che richiamino il variegato e complesso mondo dei singoli artisti e delle band, organizzando residenze creative o formative, dotate della tecnologia audio/video necessaria. Il cosiddetto circolo virtuoso, che sarebbe inevitabilmente premessa per un grande appuntamento musicale con le star del pop e del rock”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x