Ultimo aggiornamento alle 7:14
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la vicenda

I giudici di Catanzaro a cena a casa di Pittelli, il caso Perri e Scuteri spacca il Csm

Il plenum del Consiglio dovrà giudicare la vicenda dei due consiglieri della Corte d’Appello. Due membri su 6 hanno proposto di archiviare la procedura di trasferimento per incompatibilità

Pubblicato il: 07/06/2022 – 18:52
I giudici di Catanzaro a cena a casa di Pittelli, il caso Perri e Scuteri spacca il Csm

ROMA Il 16 marzo del 2018 parteciparono a una cena a casa dell’avvocato Giancarlo Pittelli, ex parlamentare di Forza Italia, indagato prima e attualmente sottoposto a misure cautelari coercitive e imputato di concorso esterno in associazione mafiosa nel processo “Rinascita Scott” alle cosche di ‘ndrangheta del Vibonese.
Ora il caso di due consiglieri della Corte d’appello di Catanzaro Giuseppe Perri e Pietro Scuteri, che all’epoca erano entrambi giudici per le indagini preliminari al tribunale della stessa città, divide il Csm. Domani il plenum è chiamato a pronunciarsi sulla richiesta di archiviare la procedura di trasferimento d’ufficio per incompatibilità ambientale aperta un anno fa nei loro confronti.
A formularla la Prima Commissione, che però su questa decisione si è letteralmente spaccata: solo due i voti favorevoli (del laico M5s Alessio Benedetti e della togata di Magistratura Indipendente Paola Braggion), due anche le astensioni (di Elisabetta Chinaglia di Area e di Carmelo Celentano) e il voto contrario dell’ex pm di Palermo Nino Di Matteo, mentre il laico di Forza Italia Michele Cerabona non ha partecipato alla votazione.

Le contestazioni ai due magistrati

La procedura era stata aperta contestando ai due magistrati i “rapporti di non distaccata frequentazione con Pittelli”, durante i quali si sarebbero occupati di procedimenti patrocinati dall’avvocato. Rapporti di cui sono venuti a conoscenza magistrati e avvocati che hanno seguito il procedimento Rinascita Scott (la cena venne intercettata con un trojan nel cellulare di Pittelli),e che per questo sarebbero potenzialmente in grado di compromettere la possibilita’ per i due giudici di svolgere , «in maniera serena, indipendente ed imparziale, anche sul piano della percezione esterna e della necessaria credibilità», le loro funzioni nel settore penale della Corte d’appello di Catanzaro, «nel quale patrocinano i colleghi di studio dell’avvocato Pittelli ed al quale, con ogni probabilità, confluirà il processo Rinascita Scott».
Ascoltati dalla Commissione tutti e due i giudici hanno escluso di aver avuto, al di là di quella cena, rapporti di frequentazione con Pittelli, che oltretutto all’epoca non sapevano fosse indagato. E soprattutto hanno sostenuto che quella vicenda non ha avuto alcuna ripercussione nell’ambiente giudiziario né in quello forense.
Per dissipare ogni dubbio, tutti e due hanno comunque chiesto e ottenuto il trasferimento al settore civile della Corte d’appello. Dunque non potranno essere chiamati a giudicare gli imputati del Rinascita Scott né, visto che Pittelli è un avvocato penalista, occuparsi dei casi dei suoi assistiti, quando l’ex parlamentare tornerà a svolgere la professione forense. Una circostanza che è stata determinante per la scelta dei due consiglieri che hanno proposto al plenum l’archiviazione.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x