Ultimo aggiornamento alle 21:28
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

Agricoltura

Lo Zibibbo, simbolo e protagonista della Costa degli Dei – VIDEO

Tra Pizzo e Francavilla Angitola una storia di rinascita: il vitigno Presidio Slow Food. Il caso delle “Cantine Benvenuto”

Pubblicato il: 18/06/2022 – 17:00
Lo Zibibbo, simbolo e protagonista della Costa degli Dei – VIDEO

Per molti anni, e colpevolmente considerato il successo riscosso negli ultimi tempi, lo zibibbo è stato un vitigno abbandonato al punto da spingere Slow Food, l’associazione internazionale no profit impegnata a ridare il giusto valore al cibo, a farne uno dei suoi preziosi “presidi”.
Lo zibibbo è un vitigno fortemente identitario in Calabria con un contesto produttivo che vede tra Pizzo e Francavilla Angitola la propria patria.
Qui nei secoli passati i terrazzamenti affacciati sulla costa tirrenica ospitavano coltivazioni di olivo e vite, alternate.
Le uve erano tutte di zibibbo, noto anche come moscato d’Alessandria, un vitigno proveniente dal Nord Africa e coltivato già dall’anno Mille in quest’area così come nelle isole siciliane, dove ha trovato condizioni pedoclimatiche ideali.
I romani lo definivano “uva apiana” e cioè  prediletta dalle api.

Come evidenziato da Slow Food fino alla seconda meta del Novecento a Pizzo lo zibibbo era principalmente un’uva da tavola, molto apprezzata per la sua aromaticità e dolcezza e per il colore dorato e leggermente lentigginoso degli acini.
Solo piccolissime quantità erano vinificate, per essere poi bevute in famiglia nei momenti conviviali e nelle ricorrenze importanti.
Dagli anni sessanta in poi – con l’arrivo di varietà provenienti dalla California ed ideali perla produzione di uva da tavola – lo zibibbo cade in un triste declino con l’estirpazione di molti dei vigneti che disegnavano il paesaggio.
Negli ultimi anni la tendenza si è doppiamente ribaltata, non solo questo vitigno ripopola gli storici luoghi di produzione ma non è più, o non solo, uva da tavola ma viene vinificato.
L’azione di recupero riguarda vigneti risalenti a qualche decennio fa e  nuovi impianti realizzati dai produttori; tra i protagonisti di questo percorso un giovane imprenditore agricolo di Francavilla Angitola, Giovanni Celeste Benvenuto, tra i fondatori del presidio Slow Food e insignito nell’ultima edizione del Vinitaly dalla medaglia di “Benemerito della vitivicoltura italiana”.

Proprio all’azienda Benvenuto è stato destinato uno dei sostegni del Gal Terre Vibonesi per rilanciare l’imprenditorialità di una provincia segnata dal prezioso equilibrio tra ambiente, paesaggio, produzioni agricole ed agroalimentari.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x