Ultimo aggiornamento alle 22:30
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

L’udienza

‘Ndrangheta in Trentino, Morello si difende: «Non c’entrano nulla i clan»

L’uomo è accusato di essere a capo di un sistema di infiltrazione delle cosche nella filiera del porfido in val di Cembra. Il processo si svolge a Trento

Pubblicato il: 30/06/2022 – 15:10
‘Ndrangheta in Trentino, Morello si difende: «Non c’entrano nulla i clan»

TRENTO «La ‘ndrangheta non c’entra un bel nulla. La nostra era solo un’associazione culturale». Lo ha detto Domenico Morello intervenendo in video collegamento dal carcere di Palermo al processo “Perfido”, in corso a Trento, che lo vede imputato nel rito abbreviato in quanto per l’accusa sarebbe stato a capo del sistema delle infiltrazioni della ‘ndrangheta nel tessuto economico del porfido della val di Cembra. In aula solo 2 degli 8 testimoni chiamati dalla difesa di Morello che comunque si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Prossima udienza il 18 luglio: la corte ha disposto la convocazione d’ufficio dei testimoni oggi assenti.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x