Ultimo aggiornamento alle 23:37
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

dal capoluogo

Catanzaro, il bilancio dell’assessore uscente al Welfare Lostumbo: lascio una programmazione valida

Conferenza stampa di fine mandato per l’esponente della Giunta cittadina: abbiamo dimostrato che le politiche sociali si possono attuare

Pubblicato il: 06/07/2022 – 22:02
Catanzaro, il bilancio dell’assessore uscente al Welfare Lostumbo: lascio una programmazione valida

CATANZARO “Lascio una programmazione operativa valida per i prossimi due anni e mezzo”. E’ il messaggio dell’assessore uscente alle Politiche sociali del Comune di Catanzaro nel corso della conferenza stampa di fine mandato a cui hanno partecipato operatori del settore, associazioni, dirigenti e i funzionari del settore. Lostumbo ha utilizzato l’hastag #Cantieresociale. “come per i lavori pubblici nel mio settore ci sono assistenti sociali, psicologi, funzionari e dirigenti. Mi auguro che questo sia l’inizio”. Una conferenza stampa voluta per evitare che s’inneschi il meccanismo distruttivo della politica, cioè che chi viene dopo distrugge quello che c’era prima: “Non sarebbe giusto perché – ha spiegato Lostumbo – ho lavorato per un settore in cui c’era il mito che non funzionava nulla e invece abbiamo dimostrato che le cose si possono per il bene dei cittadini”. L’ex assessore ha elencato le principali attività svolte in dieci mesi. A partire dalla riforma del Welfare per cui l’Ambito territoriale sociale Catanzaro, che comprende ben 31 comuni, ha “più volte rischiato il commissariamento, ma lo abbiamo evitato. Abbiamo pubblicato gli avvisi per le strutture socio-assistenziali e abbiamo pagato le rette 2020, 2021, resta il 2022”. Poi il capitolo dell’assistenza domiciliare che era “ferma da un anno e mezzo. Fra qualche giorno partirà. L’assistenza domiciliare comporta la collaborazione con l’Asp e quindi anche per questo c’è voluto più tempo”. L’elenco dell’ex assessore ha incluso i progetti che consentono a determinate categorie di accedere a voucher, i centri diurni (cinque in tutto il territorio) e ancora il Bando caffè Alzheimer e quello sui caregiver.. Su questo ha aggiunto: “Sono tranquillo perché vado via e lascio qualcosa che funziona”. Novità anche sul fronte del personale, presto si aggiungeranno tre assistenti sociali e due amministrativi. “Oltre agli avvisi pubblici, abbiamo pensato ai cittadini. I centri sociali – ha aggiunto- erano chiusi da tanti anni. Ho ristrutturato quelli di Pontepiccolo e di Gagliano. Spero si possa trovare anche una struttura più a Sud”. Con il partenariato pubblico-privato si punta poi al recupero del centro di aggregazione di viale De Filippis e ci sono delle somme da destinare alla realizzazione di un ricovero notturno per i senzatetto. Altro punto è stato dedicato al muro della gentilezza, nei pressi di via Fontana Vecchia, che consente a chiunque di lasciare e prendere indumenti con la massima discrezione, esperimento che è realtà in molte città italiane.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x