Ultimo aggiornamento alle 20:24
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

le richieste

Sacal e gli otto lavoratori che chiedono di tornare all’aeroporto di Lamezia – VIDEO

Sit-in organizzato davanti alla sede della società: l’appello ad Occhiuto e Franchini. Ma per oggi niente incontro

Pubblicato il: 07/07/2022 – 12:11
di Giorgio Curcio
Sacal e gli otto lavoratori che chiedono di tornare all’aeroporto di Lamezia – VIDEO

LAMEZIA TERME Hanno il volto tirato, segnato dalla fatica e dalla vana (finora) speranza di poter ritornare ad occuparsi del lavoro che hanno svolto per anni. Portando a casa quella paga che gli consentiva di garantire un futuro, seppur precario, alle loro famiglie.

Le richieste

Sono 8 lavoratori Uoa della Sacal, addetti cioè alla rampa, ma senza lavoro e senza spiegazioni dalla fine del 2019. Poi la pandemia da Covid-19, il crollo vertiginoso fino allo stop del traffico aereo anche allo scalo internazionale di Lamezia Terme, e la promessa non mantenuta di poter riottenere il loro posto di lavoro, almeno per questa stagione estiva.

Questa mattina, per accendere i riflettori sulla loro situazione e far sentire la loro voce affinché arrivi fino al presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, e al nuovo amministratore unico di Sacal, Marco Franchini, hanno organizzato un sit-in proprio davanti ai cancelli della società che gestisce gli aeroporti calabresi. «Chiediamo – spiega al Corriere della Calabria Francesco Maione – che il presidente Occhiuto ci ascolti, che ci ascolti il management di questa azienda. È impensabile tenerci a casa in un periodo estivo in cui i voli si sono moltiplicati esponenzialmente».

Nel 2019 erano impiegati poco più di 50 lavoratori addetti alla rampa, ora sono poco meno della metà e una parte di loro si ritrova, attualmente, in malattia o affetti da Covid e quindi a casa. Ma nonostante ciò, gli 8 lavoratori non sono stati chiamati in servizio. «Eppure – spiegano – siamo gli unici ad aver vinto un bando pubblico nel 2018».

Nulla di fatto (per ora)

Dopo l’attesa, la risposta comunicata dalla forze dell’ordine: almeno per oggi nessun incontro con i vertici e dirigenti Sacal, ma tutto è stato rimandato ai prossimi giorni. «La nostra battaglia però non si ferma qui» (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x