Ultimo aggiornamento alle 22:13
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La polemica

Rende, Federazione Riformista incalza: «Manna vuole privatizzare anche i morti»

Il movimento politico: «Sindaco pensa di ampliare il vecchio cimitero con la solita procedura del project financing di iniziativa privata»

Pubblicato il: 16/07/2022 – 14:19
Rende, Federazione Riformista incalza: «Manna vuole privatizzare anche i morti»

RENDE «L’amministrazione Manna persiste nella sua strategia di privatizzare beni e servizi pubblici». È quanto si legge in una nota della Federazione Riformista di Rende. «Dopo il tentativo fallito di realizzare un nuovo cimitero tra i castagni al confine con San Fili – prosegue la nota –, con un project financing che avrebbe affidato la gestione dei relativi servizi ad un privato, pensavamo che il sindaco Manna fosse rinsavito e avesse abbandonato questa idea sbagliatissima. Ed, invece, no!».
«Manna – chiosano i riformisti – continua a proporre soluzioni contrarie agli interessi della collettività. Da un lato, si adagia ed accoglie la nostra proposta di ampliare il vecchio cimitero del centro storico; proposta da noi avanzata da almeno due anni e che se, tempestivamente accolta, avrebbe evitato la vergogna, tuttora attuale, di centinaia di bare in attesa di sepoltura, con grave disagio e giustificata rabbia dei parenti dei defunti. Dall’altro lato, continua la deriva privatistica di un’amministrazione comunale che adesso pensa di ampliare il vecchio/storico cimitero attraverso la solita procedura del project financing di iniziativa privata, per affidare il servizio a qualche imprenditore del settore e che, dopo innumerevoli giri di valzer, pretenderebbe addirittura di rappresentare ciò che resta della sinistra».
«Dopo i campi da tennis – ricordano i riformisti –, dopo il Parco acquatico, dopo il Palazzetto dello sport, dopo i locali commerciali di piazza Matteotti, ora si vogliono privatizzare anche i morti. Ed a proposito del Parco acquatico, gli amministratori di Rende dovrebbero vergognarsi per come è ridotto il lago navigabile, che non viene ripulito da quando l’impresa costruttrice ha finito i lavori e che è diventato ricettacolo di rane, girini, topi, rettili e zanzare».
«Una miscela esplosiva – stigmatizza la nota – della fauna di luoghi abbandonati, a pochi metri dal lago balneabile in cui cercano refrigerio alla calura estiva i cittadini dell’area urbana, attratti dallo slogan “il mare in città”, da noi coniato quando avemmo l’idea di realizzare il Parco acquatico, pesantemente osteggiato dal Sindaco Manna all’atto di impossessarsi del comune di Rende». «Sarebbe proprio il caso – concludono i riformisti – di compiere un atto estremo di responsabilità verso i rendesi, ponendo fine ad una impressionante sequela di atti dannosi per la nostra città».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x