Ultimo aggiornamento alle 9:49
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

beni confiscati

Il palazzo del “re dei videopoker” sarà restituito a Reggio Calabria

Venerdì il Consorzio Macramè inaugurerà l’immobile confiscato. Diventerà un centro per servizi a famiglie e aziende

Pubblicato il: 19/07/2022 – 11:56
Il palazzo del “re dei videopoker” sarà restituito a Reggio Calabria

REGGIO CALABRIA Venerdì 22 luglio alle ore 12:15 il Consorzio Macramè inaugura l’immobile confiscato di Via Possidonea 53/A nel centro storico di Reggio Calabria. Un immobile confiscato a Gioacchino Campolo, “re dei videopoker”, ristrutturato nell’ambito del progetto Impronte a Sud – Welfare Lab grazie al sostegno di Fondazione Con il Sud. Un antico palazzo anni ’30 stile liberty che la Città Metropolitana di Reggio Calabria ha assegnato al Consorzio Macramè nel 2017 e che grazie al progetto Impronte a Sud verrà restituito alla comunità per offrire servizi e attività alle famiglie, alle persone svantaggiate, alle aziende, ospitare un centro di informazioni per i lavoratori del terzo settore, aule di studio e di lavoro condiviso, un centro organizzativo di progettazione e gestione delle emergenze sociali, uno sportello di prossimità a cui poter fare riferimento.
L’immobile destinato a diventare uno spazio comune di relazione e partecipazione è stato recuperato dopo un lungo e faticoso lavoro di riqualificazione ideato dal laboratorio di ricerca Landscape_inProgress del Dipartimento Architettura e Territorio (dArTe) dell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria e realizzato dalla cooperativa sociale La Casa di Miryam, entrambi partner del progetto. 
Alla cerimonia di inaugurazione dell’immobile saranno presenti Carlo Borgomeo, presidente di Fondazione “Con il Sud”,  Giancarlo Rafele presidente del Consorzio Macramè, Carmelo Versace sindaco facente funzioni della Città Metropolitana di Reggio Calabria. Dopo il taglio del nastro e i saluti istituzionali interverranno nell’open space dell’immobile Pasquale Neri, responsabile del progetto Impronte a Sud – Welfare Lab per il Consorzio Macramè, Marina Tornatora dell’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, Marina Galati di Banca Etica, Marco Imperiale, direttore di Fondazione “Con il Sud”.  Maggiori informazioni sulle attività di Impronte a Sud – Welfare Lab sono sono sul blog di progetto di Fondazione CON IL SUD e sulla pagina facebook dedicata @impronteasud.
Il progetto Impronte a Sud – Welfare Lab sostenuto da Fondazione “Con il Sud”,  è promosso dal Consorzio Macramè in partenariato con 16 enti partner tra associazioni, cooperative sociali, istituzioni locali, università: Ace – Associazione Calabrese di Epatologia Onlus, la Città Metropolitana di Reggio Calabria, il Comune di Reggio Calabria, il Consorzio Idea Agenzia per il Lavoro, la Fondazione Ebbene, la Fondazione Finanza Etica, La Casa di Miryam cooperativa sociale, la cooperativa sociale “La nostra Valle”, Rose Blu cooperativa sociale, la cooperativa Social Hub, la società nazionale di Mutuo Soccorso Cesare Pozzo, la cooperativa sociale Soleinsieme, l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria con il Laboratorio di ricerca Landscape_inProgress del Dipartimento Architettura e Territorio, l’Università degli Studi di Roma “Tor Vegata”, l’Università per stranieri “Dante Alighieri” di Reggio Calabria. 

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x