Ultimo aggiornamento alle 17:42
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

Il summit

Politiche, i 5 Stelle si mettono in cammino in Calabria. «È il Pd che deve chiarire cosa vuole fare» – VIDEO

Riunione regionale alla quale si collega il leader Conte. «Ora passione e dignità». Misiti: «Con i dem percorso in evoluzione». Divieto di terzo mandato confermato

Pubblicato il: 23/07/2022 – 17:14
Politiche, i 5 Stelle si mettono in cammino in Calabria. «È il Pd che deve chiarire cosa vuole fare» – VIDEO

LAMEZIA TERME «Abbiamo indetto questa riunione venti giorni fa per riorganizzarci sul territorio, gli eventi che si sono succeduti nell’ultima settimana hanno chiaramente imposto di parlare anche di campagna elettorale, oggi è un buon motivo per avviare questo discorso». Così il coordinatore regionale del Movimento 5 Stelle, il deputato Massimo Misiti, alla riunione dei pentastellati calabresi a Lamezia Terme.
Un vertice che nelle intenzioni originarie doveva servire per radicarsi ancora di più sul territorio ma che di fatto diventa il primo step di un percorso, quello verso le Politiche, che per il M5S sarà una sfida particolarmente dura, e anche per questo alla riunione si collega in videoconferenza il leader Giuseppe Conte (che resterà off limits per i giornalisti, invitati – comunque gentilmente – a lasciare la sala poco dopo l’inizio dell’assemblea). In platea, ad inizio lavori, ci sono l’eurodeputata Laura Ferrara e i parlamentari Anna Laura Orrico, Elisabetta Barbuto, Giuseppe Auddino, Alessandro Melicchio e Riccardo Tucci che interviene dopo Misiti, e poi il capogruppo alla Regione Davide Tavernise, per limitarsi a quelli in presenza perché sono in tanti a collegarsi online.
I temi sono parecchi, sul tavolo del M5S, accerchiato da avversari e (ex?) alleati dopo aver dato lo start alla caduta del governo Draghi ed eroso dai tanti addii e dai tanti strappi laceranti come quello dell’ex leader Gigi Di Maio (atteso in Calabria lunedì).

«È il Pd che si è messo da parte, da noi nessuna chiusura»

Il tema caldo è il rapporto – ora rancoroso – con il Pd, e qui Misiti getta la palla nel campo dem: «In Sicilia – spiega il coordinatore regionale e deputato M5S – stiamo facendo le primarie, ad ora c’è già un’affluenza del 30% in questo percorso comune e condiviso con il Pd. Vero è che il nostro presidente Conte ha detto che quello che succede a Roma si fa nei territori, ma altrettanto vero è che le chiusure che abbiamo avuto dal Pd sono sotto gli occhi di tutti. È un percorso in evoluzione, non c’è stata la chiusura totale anche se le dichiarazioni fatte oggi lasciano ben poco sperare in un percorso condiviso. Stando a queste dichiarazioni, è il Pd che si è messo da parte, non noi che abbiamo chiuse le porte a nessuno. Pare che Orlando abbia aperto una finestra, quindi si chiude una porta e si apre una finestra. Devono prima definire nel campo del Pd quello che vogliono fare, noi – sostiene Misiti – continuiamo a parlare di temi, non ci interessa la ristrettezza legata solo a un potere: noi dobbiamo portare avanti le esigenze del territori, perché siamo una comunità che ha sempre lavorato per questo».

«Di Maio? Non ci preoccupa, noi non pensiamo alle poltrone»

«Non c’è alcun tipo di preoccupazione», dice poi Misiti con riferimento alle mosse di Di Maio: «Noi lavoriamo per i temi, non per le poltrone o per spazi di potere. Noi abbiamo un solo obiettivo: portare a Roma la voce e le esigenze dei territori calabresi. Si stanno scrivendo in queste ore i programmi futuri, tra cui ci saranno comunque la realizzazione del Pnrr, infrastrutture e trasporti». Quanto alle mosse di Di Battista, anche qui Misiti al momento non si sbilancia: «Un suo ritorno? Lo stiamo apprendendo dalla stampa, ancora non abbiamo visto la comunicazione ufficiale».

Verso la conferma del divieto di terzo mandato

Quindi, alcune regole per così dire interne. Anzitutto, si va verso la conferma del divieto del terzo mandato: «In questo momento – spiega Misiti – abbiamo due parlamentari calabresi che sono alla fine del secondo mandato, che sono Dieni e Parentela. Loro sono stati fedeli e hanno seguito fino ad adesso tutte le indicazioni del M5S, presumo che seguiranno ancora le indicazioni che sono state date. Quindi – rimarca il deputato e coordinatore regionale M5S – non abbiamo tentennamenti da questo punto di vista. Per quanto riguarda il percorso che sarà stabilito, penso che anche a livello nazionale sia ormai definito questo indirizzo». Quanto alla selezione delle candidature «da martedì – conclude Misiti – ci saranno anche le indicazioni del percorso sulle candidature e dei perimetri che saranno necessari affinché saranno rese pubbliche».

Conte in videoconferenza: ora passione e dignità

«E’ una campagna elettorale molto impegnativa quella che ci attende. Da affrontare con forza, passione e dignità. E’ importante l’impegno di ciascuno perché solo così riusciremo a realizzare quello che ci siamo prefissati. Il nostro obiettivo deve essere quello di parlare ai cittadini e spiegare loro qual è il nostro impegno per chiarire e portare avanti la nostra agenda politica». Così Giuseppe Conte intervenendo in videoconferenza a Lamezia Terme all’assemblea degli iscritti calabresi al Movimento 5 stelle. (c. a.)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x