Ultimo aggiornamento alle 17:39
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

l’iniziativa

(Anche) agli arabi piace “l’illustrissimo morzeddu”

“Slow food Calabria” lo ha presentato al Salone del gusto di Torino. Street food dalle “bettole” alle esperienze da palati raffinati

Pubblicato il: 22/09/2022 – 19:22
(Anche) agli arabi piace “l’illustrissimo morzeddu”

CATANZARO Il “morzello”, piatto identitario per eccellenza di Catanzaro a base di interiora di vitello, apprezzato anche dagli arabi. È accaduto a “Terra madre – Salone del gusto di Torino”, che ha aperto i battenti oggi nel capoluogo piemontese.
Su iniziativa dello “Slow Food Calabria”, il cui responsabile è Alberto Carpino, e grazie all’impegno della fiduciaria della condotta di Catanzaro, Patrizia Costantino, “l’illustrissimo morzeddu”, come viene definito con una tipica espressione catanzarese, è stato proposto nello stand allestito alla manifestazione dalla Regione Calabria. Testimonial dell’iniziativa Giangurgolo, la maschera catanzarese interpretata dall’attore Enzo Colacino, protagonista di un simpatico siparietto insieme ad alcuni componenti della delegazione dell’Arabia saudita che hanno voluto gustare il piatto tipico del capoluogo della Calabria.
Grazie ai due “preparatori”, Mariano Mancuso e Williamo Panzino, sono stati consumati 350 morzelli, serviti nella “pitta”, pane anche questo tipico di Catanzaro che per la sua forma circolare e morbidezza contribuisce ad esaltare le caratteristiche di una pietanza che è al centro di campagne di tutela. Come sta facendo da tempo l'”Antica congrega dei Tre colli”, il sodalizio presieduto dall’avvocato Francesco Bianco e composto da un gruppo di professionisti di vari settori che si battono per valorizzare un piatto tipico che affonda le sue radici nella cultura più antica e genuina di Catanzaro.
Il “morzello”, oltre ad essere una pietanza che ogni famiglia catanzarese prepara tuttora con grande cura in casa, veniva gustato un tempo, e rigidamente a metà mattinata, nelle “bettole”, i locali tipici di cui era costellato, in particolare, il centro storico della città. Delle tante “bettole” degli anni passati, oggi ne restano ben poche. E non c’è stata purtroppo un’adeguata sensibilità a livello politico ed amministrativo affinché il “morzello”, e le “bettole” che ne rappresentavano il naturale veicolo di diffusione e consumo, venisse adeguatamente tutelato. (Ansa)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria

Concessionario Basic Media Servizi Srl

Telefono: 0984-391711
Cellulare: 351 8568553
Email: info@basicms.it

Design: cfweb

x

x