Ultimo aggiornamento alle 23:06
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la decisione

Delitto Bruzzese a Pesaro, a processo per complicità Versace

L’uomo è accusato di aver aiutato i killer della ‘ndrangheta ad uccidere il fratello del pentito. Rinviati a giudizio anche i killer dell’omicidio

Pubblicato il: 28/09/2022 – 18:20
Delitto Bruzzese a Pesaro, a processo per complicità Versace

ANCONA Ad Ancona è stato rinviato a giudizio Rocco Versace, 55 anni, di Taurianova (Reggio Calabria), accusato di complicità nell’omicidio di Marcello Bruzzese, fratello del collaboratore di giustizia Girolamo Biagio Bruzzese, avvenuto a Pesaro, il 25 dicembre 2018. Il processo per lui si aprirà il 14 dicembre davanti alla Corte d’Assise di Pesaro. La decisione del gup di Ancona Francesca Pizii è arrivata oggi.
Per l’accusa Versace avrebbe aiutato la ‘ndrangheta a pianificare il delitto. La Procura distrettuale antimafia di Ancona, con la procuratrice capo Monica Garulli e i pm Paolo Gubinelli e Daniele Paci, aveva chiesto il processo per tutti e tre i presunti responsabili del “delitto di Natale”, affiliati alla cosca calabrese Crea di Rizzicomi.
Oltre Versace, anche Francesco Candiloro, 43 anni, di Polistenia, e Michelangelo Tripodi, 44 anni, di Vibo Valentia.

Le accuse

Per tutti l’accusa è di omicidio premeditato aggravato dall’associazione mafiosa, porto e detenzione illegale di armi. Candiloro e Tripodi sono ritenuti dagli inquirenti gli autori materiali dell’omicidio. A condurre le indagini erano stati i Ros di Ancona, guidati dal magg. Francesco D’Ecclesiis. Versace non ha fatto richieste di riti alternativi, gli altri due procederanno con l’abbreviato e la discussione inizierà il 15 dicembre. Sarà un abbreviato secco per Tripodi (difeso da Vincenzo Trungadi) e, invece, condizionato all’espletamento di una visita oculistica per Candiloro (avv. Fausto Bruzzese). Ciò purché, secondo gli investigatori, Candiloro indossava, al momento del delitto, parka, berretto e sciarpa ma non gli occhiali da vista come sostenuto.
L’imputato non sarebbe stato avvezzo nemmeno a portare lenti a contatto. Per la difesa, quello indicato come uno dei killer non sarebbe Candiloro. Versace, video-collegato dal carcere di Nuoro dov’è detenuto, è difeso dall’avvocato Pasquale Loiacono.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x