Ultimo aggiornamento alle 21:50
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

Il contributo

«La lenta e altalenante ripresa della cultura in Italia»

Il comparto culturale è tra quelli che ha subito il contraccolpo peggiore dalla crisi economica legata alla pandemia da covid-19. E i deboli segnali di ripresa che cominciavano ad intravedersi sem…

Pubblicato il: 19/10/2022 – 13:53
di Domenico Lo Duca
«La lenta e altalenante ripresa della cultura in Italia»

Il comparto culturale è tra quelli che ha subito il contraccolpo peggiore dalla crisi economica legata alla pandemia da covid-19. E i deboli segnali di ripresa che cominciavano ad intravedersi sembrano essere messi a dura prova dai nuovi scenari di instabilità.
A confermarlo i risultati della ricerca Confcommercio-Swg presentata nel corso della prima giornata del Forum di Impresa Cultura Italia in corso a Roma.
Dall’indagine infatti emerge che nonostante la ritrovata normalità e l’accelerazione di quest’estate nella fruizione di eventi e spettacoli dal vivo, i consumi culturali sono ancora lontani da quelli che erano i livelli pre-Covid e la loro risalita appare lenta ed instabile. L’indice di misurazione infatti raggiunge nei primi 9 mesi del 2022 i 68 punti (9 in più sul 2021 e 12 sul 2020), ma rimane distante oltre 30 punti dal valore di riferimento del 2019.
Si riduce l’indice sul timore legato al Covid, ma nonostante questo la fruizione di beni e servizi culturali rimane più digitale, domestica e solitaria. In ogni caso, dopo il crollo visto aumenta la voglia di partecipare alle attività culturali all’aperto ma con ritmi diversi: crescono velocemente concerti e spettacoli all’aperto, crescono lentamente e in modo discontinuo cinema e teatro. A settembre il 17% degli italiani ha acquistato biglietti per visitare mostre, musei e siti archeologici così come per andare al cinema, l’11% per concerti (con una spesa media pro capite di oltre 22 euro in più rispetto a settembre 2021), l’8% per spettacoli all’aperto e il 6% per il teatro; tuttavia l’incertezza economica legata agli scenari attuali (guerra in Ucraina, caro energia e inflazione alle stelle) rischia di vanificare nei prossimi mesi la ripresa dei consumi culturali: in autunno la spesa media mensile per famiglia potrebbe aggirarsi attorno ai 46 euro, con una riduzione di oltre il 20% rispetto ai 58 euro di settembre. Ecco nel dettaglio i dati per ciascun comparto:

Consumi televisivi

Evidente il cambiamento nei consumi televisivi a livello generazionale: tra gli ultrasessantenni tiene la TV generalista, ma tra i giovani quasi la metà del consumo televisivo è veicolato dalle piattaforme a pagamento. A settembre si registra anche una forte crescita della fruizione televisiva attraverso piattaforme web gratuite (+23% rispetto a settembre 2021), facilitata da un’offerta che consente di trovare sempre più spezzoni di spettacoli sui social media.

Libri e quotidiani

Si conferma la preferenza per la lettura dei libri in cartaceo anche se cresce la quota in digitale (rispettivamente 34% e 20% di lettori abituali a settembre); in flessione la lettura di quotidiani (8% di lettori abituali in meno su settembre 2021) mentre il web si consolida come principale canale di accesso a contenuti giornalistici e di informazione (33% di lettori abituali a settembre, + 4% sullo stesso mese del 2021).

Offerta culturale e turismo

L’offerta culturale nelle città sembra essere tornata ai livelli pre-pandemici; per oltre sette italiani su dieci le iniziative culturali sono un importante attrattore turistico e rendono le città più vive e piacevoli. Per i turisti autunnali i beni e servizi culturali che incidono di più nella scelta della meta di vacanza sono i musei e i siti archeologici (40%), seguiti da eventi enogastronomici (38%), festival (28%) e mostre (27%).

Misure di sostegno

Per due italiani su cinque l’estensione del bonus cultura e la detrazione fiscale delle spese in cultura sono le misure più efficaci per la ripresa dei consumi culturali. Un intervistato su quattro indica una maggiore promozione delle attività sul territorio e agevolazioni per le politiche di investimento nel settore.

Fonte: Confcommercio-Swg

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x