Ultimo aggiornamento alle 19:48
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

L’incontro

Vertenza Simet, Faisa-Cisal alla Regione: «Ricollocare i lavoratori licenziati»

Vertice alla Cittadella con il sindacato autonomo che denuncia: «Ex dipendenti ancora senza Tfr e cassintegrazione»

Pubblicato il: 07/11/2022 – 21:47
Vertenza Simet, Faisa-Cisal alla Regione: «Ricollocare i lavoratori licenziati»

CATANZARO Vertice al dipartimento Lavoro e Welfare della Regione sulla vertenza Simet che interessa 38 lavoratori licenziata dall’azienda di trasporto. A riferirlo Francesco Bruno e Francesco Antonio Sibio, rispettivamente segretario provinciale cosentino e delegato regionale della Faisa-Cisal che rilevano come il vertice sia stato promosso dal direttore generale del dipartimento regionale.
«La vicenda, ben nota anche alla politica, regionale e locale – è detto in una nota del sindacato – vede ancora privi di risposte gli ex dipendenti Simet, stretti nella morsa dell’incertezza e della crisi generata dall’aumento esponenziale del costo della vita. L’incontro è stato per lo più ricognitivo e il dottor Roberto Cosentino, Dirigente generale del Dipartimento, insieme con l’ing. Giuseppe Pavone, Dirigente del Settore Trasporti, si sono riservati di notiziare il Presidente Occhiuto sulle informazioni e sugli elementi raccolti durante l’incontro, per consentire al capo dell’Amministrazione regionale di assumere iniziative».
«Dal canto nostro – sottolineano i due esponenti della Faisa-Cisal – abbiamo osservato come le imprese del tpl, anche interregionale, siano state destinatarie delle risorse elargite dallo Stato a titolo di ristori connessi al periodo Covid-19 e come, durante la pandemia, i dipendenti siano stati assistiti dall’Inps, in termini salariali, a seguito del ricorso di Simet allo strumento degli ammortizzatori sociali. Tanto al fine di evidenziare ulteriormente l’importanza che le misure che si intenderanno porre in essere siano focalizzate sui dipendenti, neo disoccupati, che auspichiamo facciano immediato rientro nel mondo del lavoro, anche al di là di Simet, la quale è ancora debitrice nei confronti di molti dei lavoratori licenziati».
«L’Impresa, infatti, non ha loro elargito il tfr – raccontano Bruno e Sibio – e, per motivi quasi certamente connessi alla gestione della relativa pratica da parte aziendale, a tutt’oggi gli “ex Simet” attendono anche la liquidazione delle somme dovutegli a titolo di cassintegrazione. Una situazione insostenibile, che deve essere al più presto affrontata con determinazione, senza mai perdere di mira l’unico obiettivo che con forza ribadiamo: la ricollocazione dei dipendenti licenziati da Simet». «Attendiamo l’evoluzione della vertenza – concludono – e, in particolare, di appurare le scelte che il Governatore della Calabria vorrà fare per dare una mano concreta ai lavoratori e alle lavoratrici che solo il lavoro potrà riscattare».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x