Ultimo aggiornamento alle 22:59
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la protesta

Diritto all’aborto, il 16 novembre manifestazione a Cosenza

Ad annunciarlo il movimento Fem.In. «L’incarico dell’unica figura che tenta di praticare le interruzioni di gravidanza terminerà a dicembre»

Pubblicato il: 09/11/2022 – 11:06
Diritto all’aborto, il 16 novembre manifestazione a Cosenza

COSENZA «Nel clima politico che si respira dalle ultime elezioni, specialmente in tema di diritto all’aborto, è ancora più importante evidenziare come a Cosenza interrompere una gravidanza in modo volontario sia sempre più difficile. Dopo il nostro incontro dello scorso luglio con la direzione sanitaria, l’azienda ospedaliera di Cosenza ha pubblicato una manifestazione di interesse urgente, per il reclutamento di un ginecologə prepostə alle operazioni di Ivg, in modo da sopperire alla conversione in obiettore di coscienza dell’unico medico che prima garantiva il servizio all’Annunziata. Nonostante ciò, ad oggi i problemi non sono diminuiti ma, anzi, si moltiplicano col passare del tempo. In questi mesi sono decine le segnalazioni pervenuteci da pazienti che durante il percorso di interruzione hanno trovato degli ostacoli o addirittura sono state rinviate di settimane per poi essere spostate in altre strutture (a loro volta strapiene o senza personale)». E’ quanto si legge in una nota a firma del movimento Fem.In Cosentine in lotta.
«Mentre si discute sul garantismo circa la legge 194 da parte del governo Meloni, in realtà questa legge non è mai stata applicata correttamente e se mai ciò avvenisse rimarrebbe comunque una norma malfatta e incompleta. Abbiamo avuto pazienza, abbiamo mediato, abbiamo accompagnato molte donne durante imprevedibili e inefficienti iter di Ivg, adesso è arrivato il momento di dire basta a tutto questo. Basta alle scuse, alle soluzioni tampone, ad un sistema sanitario che ignora il concetto di “salute”, di “cura” e di “diritti”. L’incarico di sei mesi dell’unica figura che tenta di praticare le interruzioni di gravidanza terminerà ai primi di dicembre e ci troveremo punto e a capo», si legge ancora. «Il concorso per l’assunzione di 4 ginecologhə, espletato da circa un anno, è ancora bloccato e potrebbe essere annullato dal Tar. Per tutte queste ragioni, mercoledì 16 novembre presidieremo l’entrata dell’Annunziata a partire dalle ore 14:30 e invitiamo chiunque abbia a cuore la libertà delle donne a fare lo stesso, per pretendere una volta per tutte il diritto che vogliono negarci».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x