Ultimo aggiornamento alle 14:57
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

assise civica

San Giovanni in Fiore, deliberato l’acquisto di un sito con i resti della prima chiesa di Gioacchino da Fiore

In consiglio comunale il sindaco Succurro ha spiegato che il terreno sarà acquisito con un finanziamento regionale da 1,2 milioni

Pubblicato il: 09/11/2022 – 12:11
San Giovanni in Fiore, deliberato l’acquisto di un sito con i resti della prima chiesa di Gioacchino da Fiore

SAN GIOVANNI IN FIORE Il Consiglio comunale di San Giovanni in Fiore ha deliberato di comprare il terreno privato, in località Jure Vetere, in cui all’inizio degli anni 2000 furono rinvenuti, grazie a un’intuizione degli imprenditori locali Luigi Biafora e Nicoletta Magnaghi, i resti della prima chiesa di Gioacchino da Fiore, risalente al XII secolo, a lungo incustoditi e spesso abbandonati al pascolo bovino.
Nella stessa seduta consiliare, la sindaca Rosaria Succurro ha spiegato che l’acquisto avverrà con un finanziamento regionale di un milione e 200mila euro, ottenuto dopo ripetute interlocuzioni fra la sua amministrazione e il precedente assessore regionale all’Ambiente, Sergio De Caprio, e finalizzato alla realizzazione di una ciclovia che partirà dalla discarica comunale di Vetrano, vicino Caccuri (Crotone), per arrivare nel sito di interesse storico e archeologico di Jure Vetere, legato alla presenza dell’abate Gioacchino sui monti della Sila.
Succurro ha parlato di «fatto straordinario» per l’intera comunità locale, che consentirà di «salvaguardare, promuovere e valorizzare questo bene comune di enorme valore, finora lasciato a sé stesso». «Con la somma disponibile – ha chiarito la sindaca di San Giovanni in Fiore – il luogo verrà pulito, sistemato, recintato e protetto da un circuito di videosorveglianza. Sarebbe stato assurdo ignorarne l’importanza e trascurare la necessità di un intervento risolutivo dopo 21 anni dal ritrovamento dei resti del monumento religioso. Con l’acquisto del sito di Jure Vetere proseguiamo il nostro lavoro di potenziamento dell’offerta turistica e culturale del territorio, puntando sulla figura di Gioacchino da Fiore, centrale per lo sviluppo economico della città».
Nella primavera scorsa, l’acquisto in questione era stato oggetto di scontro fra il Centro internazionale di studi gioachimiti e il Pd da una parte, e la giunta comunale in carica dall’altra. In particolare, l’istituto culturale e i dem di San Giovanni in Fiore contestavano all’esecutivo guidato da Rosaria Succurro di aver rimodulato senza motivo un progetto di ristrutturazione dell’Abbazia florense, finanziato dalla Regione Calabria allora presieduta da Mario Oliverio, con il conseguente spostamento delle somme previste per acquisire quel terreno di Jure Vetere. La sindaca aveva replicato che le risorse stabilite nel progetto originario erano del tutto insufficienti. Rosaria Succurro aveva poi sottolineato che «un’amministrazione lungimirante deve trovare dei fondi a parte e non sottrarre un solo centesimo al recupero del principale monumento cittadino, che è l’Abbazia florense».
Nel Consiglio comunale di ieri la sindaca Succurro ha aggiunto che, con il finanziamento regionale per la ciclovia Vetrano-Jure Vetere, saranno peraltro resi accessibili alcuni tratti dei cunicoli badiali, i quali, secondo il Centro internazionale di studi gioachimiti, sarebbero invece parti dell’antico acquedotto dei monaci florensi.
A San Giovanni in Fiore, che conta 16mila abitanti e ha un’economia basata in prevalenza su erogazioni pubbliche, le politiche del turismo riguardanti Gioacchino da Fiore sono diventate causa di frizioni tra il Centro internazionale di studi Gioachimiti e l’amministrazione comunale di Rosaria Succurro. Qualche segnale di distensione si era registrato nei mesi passati, in un incontro nel quale, da entrambe le parti, era stata ribadita la volontà di collaborare nell’interesse generale.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x