Ultimo aggiornamento alle 16:36
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 4 minuti
Cambia colore:
 

I dati

Speranza di vita sana, divario di oltre 12 anni per i bimbi calabresi

Save The Children lancia l’allarme sul gap tra Nord e Sud del Paese. E nella regione non è presente neppure un reparto di neuropsichiatrica infantile

Pubblicato il: 16/11/2022 – 16:00
Speranza di vita sana, divario di oltre 12 anni per i bimbi calabresi

CATANZARO Povertà e disuguaglianze, soprattutto dopo la pandemia, incidono sulla salute e sul benessere psicologico dei minori in Italia: un bambino che nasce a Caltanissetta ha 3,7 anni in meno di aspettativa di vita rispetto a chi è nato a Firenze e la speranza di vita in buona salute segna un divario di oltre 12 anni tra Calabria e provincia di Bolzano. Tra le bambine la forbice è ancora più ampia, 15 anni in meno in Calabria rispetto al Trentino. È l’allarme lanciato da Save The Children presentando la XIII edizione dell’Atlante dell’Infanzia a rischio in Italia 2022.

I dati calabresi


La Calabria è la regione con il più alto tasso di mortalità infantile nel Paese (4,42 ogni 1.000 nati), ha la spesa pro-capite dei Comuni per servizi alla prima infanzia più bassa (110 euro) così come la percentuale di bambini sotto i 3 anni che accede agli asili nido pubblici e convenzionati (2,8%). Inoltre, più di 1 minore su tre tra i 3-17enni non pratica mai sport (33,4%) ed è tra le regioni con la percentuale più bassa di minori che lo praticano in maniera continuativa (31,1%), più di 1 bambino e adolescente su 3 è sovrappeso o obeso e le mense scolastiche in alcune province sono merce rara: a Reggio Calabria solo 1 alunno su 9 mangia a mensa alla scuola primaria (11,5%).

Il gap con il resto del Paese

In Italia sono quasi 1 milione e 400 mila i minori in povertà assoluta e sono «poveri anche di salute». Le bambine, i bambini e gli adolescenti colpiti dalle disuguaglianze socioeconomiche, educative e territoriali, «ne subiscono l’impatto anche sulla salute e il benessere psico-fisico», dice Save The Children e lo fa attraverso l’Atlante dell’Infanzia a rischio in Italia , diffuso oggi in vista della Giornata Mondiale dell’Infanzia e dell’Adolescenza del 20 novembre, che quest’anno ha il titolo “Come stai?” perché «prova ad esplorare – spiega l’organizzazione – la salute dei bambini dal momento della nascita fino all’età adulta».
Per i bambini del 2021, evidenzia l’organizzazione, l’aspettativa di vita in buona salute è di 67,2 anni se sono nati nella provincia di Bolzano, ma di solo di 54,4 anni se sono nati in Calabria, con una differenza di più di 12 anni. Tanti i dati contenuti nel volume come quello che l’81,9% dei bambini vive in zone inquinate dalle polveri sottili o il 35,2% dei bambini e il 33,7% delle bambine nella fascia 3-10 è in sovrappeso o obeso. Anche perchè un bambino su 4 non pratica sport. Ed ancora che la povertà alimentare colpisce un bambino su 20 ma la mensa scolastica non è ancora un servizio essenziale gratuito per tutti i bambini dai 3 e i 10 anni. La rete sanitaria territoriale – ricorda Save the Children – è insufficiente, mancano infatti 1400 pediatri ed è crollato il numero dei consultori familiari.

Calabria senza alcun reparto di neuropsichiatrica infantile

Gli effetti peggiorativi della pandemia sono evidenti anche nel crescente disagio mentale di preadolescenti e adolescenti. In 9 regioni italiane oggetto di monitoraggio, i ricoveri per patologia neuropsichiatrica infantile sono cresciuti del 39,5% tra il 2019 e il 2021 (prime due cause, psicosi e disturbi del comportamento alimentare), mentre in tutto il Paese si contano solo 394 posti letto in degenza in questi reparti. Ci sono regioni che non ne hanno neanche uno, come Calabria, Molise, Umbria e Valle d’Aosta, in Lombardia sono 100. Ma è molto grave anche l’assenza o la carenza di strutture semiresidenziali e centri diurni. Solo il 12% della spesa pubblica per la salute, viene puntualizzato, è impegnato nella prevenzione e nella medicina di base. La quota principale (44%) è impiegata per l’assistenza ospedaliera, ma solo il 6% di queste risorse sono destinate ai minorenni. Nel biennio 2020-21, per esempio, – mette in evidenza Save The Children – le vaccinazioni nei primi mesi di vita hanno subito una significativa riduzione, e si è verificata una contrazione drastica delle diagnosi di tumore pediatrico che si sono ridotte del 33% e nel 2020 e in molte regioni alcune malattie anche gravissime sono ancora escluse dagli screening neonatali.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x