Ultimo aggiornamento alle 9:11
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

la mobilitazione

Manovra, Feneal Uil e Fillea Cgil domani allo sciopero generale a Catanzaro

I sindacati contro la legge di bilancio del governo Meloni: è ingiusta, colpisce i lavoratori e il Mezzogiorno

Pubblicato il: 11/12/2022 – 8:42
Manovra, Feneal Uil e Fillea Cgil domani allo sciopero generale a Catanzaro

CATANZARO La  Feneal Uil Calabria e la Fillea Cgil Calabria, lunedì 12 dicembre, saranno presenti in piazza Prefettura a Catanzaro per partecipare allo sciopero di 4 ore indetto da Cgil e  Uil. Lo rendono noto i segretari generali delle due categorie Maria Elena Senese (Feneal Uil) e Simone Celebre (Fillea Cgil). “Una mobilitazione – spiegano Senese e Celebre –  per protestare contro una legge di Bilancio ingiusta che toglie ai lavoratori per dare agli evasori e ai ricchi, innalzando il limite del contante a 5000 euro ampliando così il ventaglio dell’evasione fiscale. Con l’inflazione al 10% e il caro energia fuori controllo, per noi 2/3 della manovra dovevano essere dedicati a lavoratori dipendenti e pensionati. I soldi si possono trovare applicando ed ampliando la extra tassa sugli extraprofitti. Ma dei 14  miliardi di euro, inizialmente previsti dal governo Draghi, ora sono previsti solo 2,2 miliardi in bilancio perché l’attuale governo Meloni ha scelto di ridurre il numero delle aziende alle quali viene applicata la extra tassa. Una mobilitazione per protestare sulla mancata rivalutazione delle pensioni, sul peggioramento, per giunta discriminatorio, di Opzione Donna,  nonché sulla reintroduzione dei voucher. Serve detassare le tredicesime, gli aumenti contrattuali e la contrattazione di secondo livello, insieme al taglio del cuneo fiscale. Sono questi i punti di partenza per risolvere i problemi della precarietà, della sicurezza, della riforma fiscale e del welfare.  Una legge di Bilancio che penalizza fortemente Mezzogiorno e, in particolare, la Calabria. Che non mette risorse sul fondo per la forestazione, per la realizzazione di quelle infrastrutture fondamentali per la nostra regione a partire dalla Strada statale 106. Una legge che deve essere cambiata perché non guarda in nessun modo al mondo del lavoro, non aiuta chi ha bisogno e, soprattutto, favorisce l’evasione fiscale. Lunedì – concludono Senese e Celebre –  tutti in Piazza Prefettura a sventolare le nostre bandiere per far sentire la nostra contrarietà a una legge di bilancio iniqua e ingiusta, che “manovra” contro il Sud e punta a introdurre un regionalismo incostituzionale, che sostiene pesanti tagli agli investimenti per le scuole e ricuce drasticamente la presenza delle istituzioni scolastiche sul territorio”.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x