Ultimo aggiornamento alle 22:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

il commento

«Luminarie a Cosenza? Abbiamo ereditato il dissesto finanziario»

La presa di posizione e gli interrogativi posti dal gruppo consiliare “Franz Caruso Sindaco”. «In un anno già grandi risultati»

Pubblicato il: 14/12/2022 – 21:43
«Luminarie a Cosenza? Abbiamo ereditato il dissesto finanziario»

COSENZA «Seppur tra mille difficoltà in un solo anno di governo della città l’Amministrazione Comunale guidata da Franz Caruso sta ottenendo già grandi risultati e questo dà fastidio ad ex sindaci, avversari e pseudo amici. Ne prendiamo atto e proseguiamo il nostro cammino, certamente irto e pieno di ostacoli, senza farci distrarre da chi al bene della collettività preferisce la polemica, la diatriba a prescindere e la promozione di feste e lustrini. I nostri interlocutori sono e rimarranno i cittadini, che vengono a trovarci a Palazzo dei Bruzi ed entrando nel Salone di Rappresentanza, ritornato alle sue funzioni di accoglienza e di ospitalità pubblica, ci dicono di sentire un bellissimo profumo di pulito. Alla nostra comunità parliamo, infatti, un linguaggio chiaro e senza fronzoli. Illustriamo gli atti e le procedure che poniamo in essere ricordando doverosamente da dove si è partiti. Non come alibi, di cui non abbiamo assolutamente bisogno, ma per spiegare le ragioni delle decisioni assunte». Lo affermano in una nota i consiglieri comunali del gruppo “Franz Caruso Sindaco”.
«È Natale, i cosentini tutti, a cominciare dal sindaco Franz Caruso, vorrebbero che la città fosse interamente vestita a festa, ma non è possibile perché non ci sono risorse a causa del dissesto lasciato in eredità e per gli ulteriori debiti, pari a circa 24 milioni di euro maturati in soli due anni, il 2020 ed il 2021, per la politica dei “circhi” dell’ex sindaco, lo possiamo dire o è lesa maestà? Come dobbiamo ricordare che le buche grandi come crateri presenti sulle strade cittadine non sono nate in questo anno di sindacatura di Franz Caruso, ma rappresentano il risultato di un retaggio di cattiva amministrazione per il quale si è preferito puntare sull’apparenza, (luci e festini a suon di 500mila euro l’anno peraltro senza un’adeguata copertura), anziché ripristinare il manto stradale cittadino. Vogliamo parlare dell’Amaco o è una vicenda che dobbiamo dimenticare? La città è sporca ma può averla sporcata il sindaco Franz Caruso in un anno? Ci si è dimenticati delle montagne di rifiuti che invadevano addirittura interi marciapiedi trasbordando sulle strade?», sono ancora gli interrogativi che si pongono dal gruppo consiliare
«In un anno – insistono – si sarebbe potuta risolvere la situazione solo se Franz Caruso avesse avuto la bacchetta magica. Ciononostante, le criticità sono migliorate e ancor di più migliorerà col nuovo Piano dei Rifiuti. Per non parlare delle politiche sociali, per le quali si fa fatica a capire che fine abbiano fatto le risorse assegnate all’Ente. Anche di quest’ultima situazione, del welfare cittadino, ne possiamo parlare o dobbiamo lasciare intendere che alcuni servizi sono stati ridotti perché il sindaco Franz Caruso è cattivo? Lo possiamo dire che per 10 anni l’ex sindaco ha pensato e curato solo l’immagine stereotipata di Cosenza, peraltro senza neanche tutelare e valorizzare il MAB, infischiandosene di dare risposte concrete ai cittadini sulla penuria d’acqua, sulla pulizia delle strade, sul verde pubblico, sui senzatetto, sulle disabilità, sulla manutenzione degli edifici scolastici e pubblici in generale, i cui tetti sono infiltrati d’acqua e crollano, come quello del salone di Rappresentanza, per l’assenza di una manutenzione seria decennale?» «L’Amministrazione guidata da Franz Caruso – concludono – ha invertito la tendenza ed innescato la marcia del cambiamento preferendo la sostanza all’apparenza ed al vacuo. Responsabilità, trasparenza e legalità guidano il sindaco Franz Caruso che sta lavorando per dare una svolta e una nuova prospettiva al futuro di Cosenza e dei Cosentini, cercando di evitare un secondo dissesto».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x