Ultimo aggiornamento alle 23:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

L’appuntamento

«I calabresi e la casa: cambiano valori e funzioni»

“I calabresi e la casa: come cambiano i valori e le funzioni”. È stato il tema di un interessante convegno che si è tenuto a Catanzaro venerdì scorso, ospite del Consorzio di Bonifica. I lavori so…

Pubblicato il: 19/12/2022 – 9:00
di Franco Scrima*
«I calabresi e la casa: cambiano valori e funzioni»

“I calabresi e la casa: come cambiano i valori e le funzioni”. È stato il tema di un interessante convegno che si è tenuto a Catanzaro venerdì scorso, ospite del Consorzio di Bonifica. I lavori sono stati presieduti dall’avvocato Ugo Gardini che, riferendosi alla casa, ha detto: «per gli italiani il valore della casa oggi è molto di più di ieri: un bene che ha ritrovato centralità nella società, tanto da essere alto malgrado il valore economico non abbia il “vigore” del passato».

Da sinistra: l’avvocato Ugo Gardini; in piedi il presidente del consiglio regionale, Filippo Mancuso; l’avvocato Francesco Granato vice presidente nazionale di Federproprietà e la presidente regionale, Tommaso Lucchetti.


Dagli interventi che si sono succeduti dopo il saluto rivolto ai convegnisti dal Presidente del Consiglio Regionale Filippo Mancuso che ha definito i lavori «dal valore sociale molto elevato», è emerso che il rapporto dei calabresi con la casa è da considerare «soddisfacente».
Si temeva che l’emergenza sanitaria da Covid e le conseguenti misure restrittive dovute anche al “confinamento post pandemico” potessero incidere sui valori e sulle funzioni della casa. Così non è stato, anzi da una indagine di “Federproprietà” emerge che gli italiani, compresi i calabresi, considerano il valore sociale della casa alto, simile ad un bene socialmente essenziale. Lo hanno ricordato gli oratori che si sono approcciati al microfono dopo l’intervento di Francesco Granato, vicepresidente nazionale di Federproprietà che, a sua volta, ha preso la parola dopo il saluto rivolto all’Assemblea dalla Presidente regionale di Federproprietà, Tommasina Lucchetti.
L’avvocato Granato ha ribadito che Federproprietà ha inteso offrire anche ai cittadini di Catanzaro uno strumento utile al confronto del “bene casa” tale da aiutare a trovare soluzioni efficaci alle problematiche e alle criticità che attengono ai tanti aspetti del “settore”: proprietari, costruttori, istituzioni e inquilini. Granato si è soffermato sul valore sociale della casa sostenendo quanto sia elevato in questa fase storica del Paese.
Granato ha aggiunto che «la casa va assumendo, in modo stabile, nuove funzioni, evolvendosi da luogo del privato e della relazionalità familiare a sede di una molteplicità di attività tradizionalmente svolte in luoghi deputati del fuori casa». Così come ha puntualizzato che «il valore sociale della casa non è mai stato così alto, malgrado il valore economico non abbia il vigore del passato. Si può dire – ha aggiunto Granato – che per gli italiani, oggi, il valore della casa è molto più consistente rispetto a quello di ieri, essendo un bene che ha ritrovato centralità nella società».
I dati emersi confermano l’assunto del vicepresidente nazionale di Federcasa: il 70,8 per cento delle famiglie italiane è proprietario della casa nella quale vive; il 20,5 per cento è in affitto e solo l’8,7 per cento abita in una casa in usufrutto. Dati che dimostrano, peraltro, che il 28 per cento delle famiglie proprietarie possiede altri immobili di proprietà.
Un capitolo a parte riguarda i giovani, tra i 16 e i 29 anni, che vivono ancora con i genitori Si tratta di una fetta di popolazione pari all’85,6 per cento della popolazione. Costoro Vivono l’accesso alla proprietà della prima casa come una conquista che, però, non si concretizza in autonomia. Nella maggior parte dei casi essi sono supportati economicamente dai genitori e dai nonni dentro quel modello sociale, prettamente italiano, in cui la famiglia agisce da ridistributore strutturale. Ciò accade perché la voglia di possedere una casa è alta anche tra i giovani per i quali è motivo di rassicurazione per il loro futuro.
*giornalista

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x