Ultimo aggiornamento alle 22:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 1 minuto
Cambia colore:
 

il processo

‘Ndrangheta in Trentino, due condanne per infiltrazioni delle cosche nel tessuto economico del porfido

Risarciti, tra gli altri, tre lavoratori cinesi che sarebbero stati ridotti in schiavitù

Pubblicato il: 19/12/2022 – 14:36
‘Ndrangheta in Trentino, due condanne per infiltrazioni delle cosche nel tessuto economico del porfido

TRENTO Dieci anni a Domenico Morello perché ritenuto anello di riferimento della ‘ndrangheta in Trentino, ma non promotore delle attività mafiose come aveva prospettato la procura. Otto anni a Pietro Denise. Per entrambi, i giudici di Trento hanno riconosciuto l’appartenenza a un’associazione a delinquere di stampo mafioso. E’ la sentenza, con rito abbreviato, di uno dei filoni del processo scaturito dall’inchiesta “Perfido” che ha scoperchiato una presunta infiltrazione delle cosche della ‘ndrangheta nel tessuto economico del porfido. Il tribunale ha riconosciuto anche 8 risarcimenti alle parti civili: 300mila euro alla Provincia di Trento, 150mila euro al Comune di Lona Lases, e dai 50 ai 500mila euro per Libera contro le mafie, Cgil, Cisl, e tre lavoratori cinesi che sarebbero stati ridotti in schiavitù.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x