Ultimo aggiornamento alle 16:13
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 6 minuti
Cambia colore:
 

SETTE GIORNI DI CALABRESI PENSIERI

La Lega come un piccolo soviet, Crosetto il “piemontese” e un Natale spoglio (ma costoso) a Cosenza

Il consiglio comunale surreale a Rende. Cannizzaro mattatore. I treni desaparecidos. Le speranze per il Mesima. E il mecenate di Campana che fu come l’angelo di Frank Capra per Pupi Avati. I voti d…

Pubblicato il: 24/12/2022 – 7:02
di Paride Leporace
La Lega come un piccolo soviet, Crosetto il “piemontese” e un Natale spoglio (ma costoso) a Cosenza

La Lega in Calabria è ormai un piccolo soviet stalinista. Non bastava l’espulsione dell’avvocato Emilio Greco alla vigilia della nomina del nuovo segretario cittadino. Lo spadone di Giussano ha reciso senza discussione l’incarico del capogruppo regionale Simona Loizzo. Eppure c’era da aspettare poco, considerato il doppio incarico della leghista con Montecitorio. Fatto sta che la capogruppo aveva ritirato la proposta di legge per l’istituzione del consigliere supplente e poi aveva strappato anche sulle norme del gioco d’azzardo. Siccome a pensar male ci si azzecca voto “otto” alla Loizzo per libertà di pensiero e “due” alla Lega che non tollera il dibattito interno. Comunque la pensi il nuovo capogruppo della Lega Giuseppe Gelardi ha affermato: «La legge sulla ludopatia non c’entra». Non assegno voto ma chioso in latino: «Excusatio non petita, accusatio manifesta».

***

Il ministro della Difesa Guido Crosetto è stato in visita a San Luca e Platì in un suo tour calabrese. Nel paese di Corrado Alvaro il ministro ha sostato davanti al cippo che ricorda il sacrificio del brigadiere dei carabinieri Carmine Tripodi ucciso il 6 febbraio del 1985 e poi è andato alla caserma della Benemerita di Platì. Non invitati agli incontri i sindaci dei due paesi, il ministro è stato tenuto lontano dalla popolazione. Atteggiamento molto “piemontese” quello del ministro che nel protocollo non ha considerato amministrati e amministratori. Voto “quattro” per distanza a Guido Obelix Crosetto, eventualmente da rivedere se qualche informativa di servizi e affini ha sconsigliato di tenere lontano la popolazione locale. Ma in questo modo lo Stato scava un solco dai paesi di triste nomea.

***

Nelle notti di maratona di approvazione del Bilancio buona performances del deputato di Forza Italia Francesco Cannizzaro che piazza ben 4 emendamenti approvati: settecentomila euro per ripristinare le circoscrizioni a Reggio Calabria, tre milioni per la riqualificazione del Lido comunale, due milioni per il recupero del borgo di Pentadattilo, due milioni per le Terme di Locri. Visto l’impegno, con straordinario notturno, diamo al parlamentare “otto”. Non ha riscaldato la sedia.

***

A Rende un surreale Consiglio comunale. La minoranza con gran rullare di tamburi aveva annunciato dimissioni di massa di dieci consiglieri cooptandone due della maggioranza in crisi in conseguenza delle diverse inchieste in corso. Si presenta un documento. Nessuno parla. Il presidente del Consiglio Gaetano Morrone chiude i lavori lasciando i dimissionari con un palmo di naso. Senza voto l’opposizione carente di tattica e strategia, “otto” a Morrone che pur essendo di parte è stato più veloce di una sgroppata del fratello celebre calciatore.

***

Il 12 dicembre è cambiato l’orario dei treni. La partenza del treno 5660 da Catanzaro Lido verso Sibari ha subito un ritardo di partenza di venti minuti. Stessa solfa per il 5667 in direzione opposta. Odissea da Fantozzi per i pendolari di Cariati e Corigliano che non riescono a raggiungere in orario scuole e uffici e che tornano a casa con gravi difficoltà. A fronte delle proteste la consigliera regionale Pasqualina Straface di Forza Italia in un comunicato stampa aveva scritto: «Entro il prossimo 20 dicembre verrà attivato l’anticipo del primo treno della mattina sulla linea Catanzaro Lido- Sibari accogliendo le istanze degli utenti». Inoltre si annunciava un ulteriore collegamento nel pomeriggio sulla stessa linea. Il 20 dicembre è passato. Consigliera Straface il voto lo mettiamo in attesa di giudizio. Ma può spiegare ai poveri pendolari perché l’annuncio è stato così farlocco?

***

L’indagine dei consumatori per capire quali saranno le città italiane che risentiranno maggiormente degli aumenti dei prezzi al dettaglio per quelle voci tipiche delle feste di fine anno (beni alimentari, bevande alcoliche, abbigliamento e ristoranti) mette Cosenza in testa alla classifica delle città con i maggiori aumenti alimentari a Natale. Nella città bruzia i prezzi dei prodotti alimentari aumentano del 17,4% rispetto allo scorso anno. Senza luminarie, senza festeggiamenti, ma con i prezzi più alti di via della Spiga a Milano. “Otto” al volontariato cittadino che compensa il salasso dei cenoni ricchi e costosi offrendo beni di prima necessità a chi ha bisogno.

***

Jasmine De Marco

Jasmine De Marco, giovane attivista del Wwf di Nicotera, ha osservato per lungo tempo la foce del fiume Mesima segnalando la presenza di uccelli e flora e la bellezza del luogo naturale assediata da discariche e abusi edilizi. Il delegato del Wwf Angelo Calzone ha inviato il dossier al consigliere regionale Ferdinando Laghi che ha presentato una proposta di legge che è stata sottoscritta da suoi colleghi Pietro Raso, Antonio Lo Schiavo, Giovanni Arruzzolo approvata all’unanimità dal Consiglio. In questo modo è nata la Riserva naturale del Mesima che riqualifica l’area con sentieristica e pista ciclabile. Voto “dieci” a Jasmine per il suo encomiabile lavoro e “otto” al voto trasversale dei consiglieri che hanno recepito l’istanza sostenibile.

***

Cinque eventi hanno segnato in Calabria Chanukkah, la festa ebraica della luce. Una cerimonia a Rota Greca paese di cui era originario il “Giusto tra le Nazioni” Angelo De Fiore. Accensione del candelabro anche al Museo di Santa Maria del Cedro, si riaccende quello della sinagoga di Bova Marina. Si aggiungono il campo di Ferramonti di Tarsia, a Nicotera annullo filatelico sulla cacciata degli ebrei e luci accese nell’antica Giudecca. Voto “otto” alla Calabria che riscopre i suoi legami con la cultura e la presenza degli ebrei nella nostra regione.

***

Il teatro Politeama “Mario Foglietti” di Catanzaro ha celebrato 20 anni e lo ha fatto con “Quando sarò capace di amare, Massini racconta a Gaber”. Voto “dieci” al Politeama e Gaber, “nove” a Massini. Ai diversi enti che non permettono programmazione e finanziamenti certi alla Fondazione niente voti ma una supplica a non dimenticare le istituzioni culturali della Calabria.

***

Per merito della famiglia Cerasi a Firenze è stata commissionato all’artista calabrese Alfredo Pirri l’installazione di un sito archeologico metafisico come splendida copertura della sala Zubhin Mehta del nuovo auditorium del Teatro del Maggio musicale di Firenze . Il progetto artistico “Prospettiva con orizzonti” si sviluppa su una superficie di oltre 2000 metri e va ad arricchire il patrimonio di una capitale dell’arte italiana con questa donazione avvenuta in questa settimana. Voto “dieci” ad Alfredo Pirri che vedrà certamente il suo nome nei libri di storia dell’arte e approfittiamo per stimolare istituzioni pubbliche e private a commissionare opere così imponenti e importanti nella regione d’origine dell’artista cosentino.

***

Due anni fa sono state denunciate a Bologna 11 persone per aver dilapidato il patrimonio della Fondazione intitolata al Cavaliere del lavoro, Carmine Domenico Rizzo. Un imprenditore calabrese nato a Campana in provincia di Cosenza, diventato uno dei principali costruttori edili emiliani. Al suo mecenatismo si deve l’esordio cinematografico di Pupi Avati. Ha raccontato il regista “Devo tutto ad un autodidatta. Rizzo finanziò con 270 milioni di lire i miei primi due film: Balsamus e Thomas e Gli indemoniati. Per me è stato come un angelo del film di Frank Capra”. Una sua collezione di quadri del Futurismo si può visitare al Maon di Rende. “Dieci” alla memoria del cavaliere Rizzo morto nel 2006. “Zero” a chi ha perpetrato l’appropriazione indebita dei suoi beni venendo meno alle consegne filantropiche lasciate dal cavaliere. Quelli che hanno vissuto come gli Angeli di Frank Capra meritano rispetto soprattutto a Natale. Vale ancora la pena pensare che “La vita è meravigliosa”. Buon Natale a tutti.

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x