Ultimo aggiornamento alle 22:40
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 2 minuti
Cambia colore:
 

La reazione

Incendio alle auto di due infermieri di Cetraro, Sposato: «Non abbassare la testa»

Il presidente dell’Ordine degli infermieri di Cosenza: «Si faccia piena luce su quanto avvenuto»

Pubblicato il: 17/01/2023 – 17:23
Incendio alle auto di due infermieri di Cetraro, Sposato: «Non abbassare la testa»

CETRARO «Due auto sono state distrutte dalle fiamme nel parcheggio del presidio ospedaliero “Iannelli” di Cetraro. Da quanto si apprende, l’incendio sarebbe di natura dolosa e le vetture coinvolte apparterrebbero a due dipendenti che erano in turno a quell’ora: un’infermiera del pronto soccorso e un’operatrice sociosanitaria. Non è ancora chiaro chi, tra le due professioniste, fosse la vera destinataria del vile gesto, le auto erano infatti parcheggiate a poca distanza l’una dall’altra». È quanto si legge in una nota dell’Ordine degli infermieri di Cosenza il cui presidente, Fausto Sposato, condanna nettamente quanto accaduto. «Siamo vicini alla collega ed all’operatrice che hanno subìto un gesto vile, da vigliacchi. Purtroppo siamo dinanzi l’ennesimo episodio di violenza nei confronti della nostra categoria. Adesso basta: dagli insulti verbali si è passati addirittura alle fiamme», asserisce il presidente Sposato.
Per tutti gli infermieri «la situazione non è più tollerabile». Ed oltre alla condanna ed alla vicinanza più che sentita, Sposato chiede ai colleghi di «non abbassare la testa in nessun modo». Anzi, non solo a Cetraro ma ovunque accadano episodi del genere «occorre denunciare prontamente alle autorità preposte».
Ieri è successo infatti al presidio ospedaliero della costa tirrenica, domani chissà. «Possibile che non ci sia stata una sola telecamera ad aver ripreso il vile gesto? Gli operatori meritano rispetto; non è pensabile che la società civile non reagisca dinanzi a questo episodio», la ferma presa di posizione dell’Opi. Da qui l’appello alla manifestazione pubblica contro questi atti. Ma anche la richiesta di una indagine «che faccia piena luce sull’incendio».
Per Sposato «non può sussistere alcuna giustificazione, soprattutto non si deve consentire un prosieguo delle pressioni cui siamo sottoposti quotidianamente». È amareggiato il presidente dell’Opi. «Gli infermieri devono essere messi in grado di lavorare in piena sicurezza, l’Azienda ha l’obbligo di intervenire, promuovendo anche una commissione interna se necessario. Noi continueremo ad essere al fianco di tutti gli operatori, confrontandoci e fornendo formazione continua per debellare questo malsano processo».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x