Ultimo aggiornamento alle 21:27
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

dai partiti

Congresso Pd, veleni calabri. L’area Cuperlo denuncia: esclusi dalle commissioni

Ricorso agli organi di garanzia dei democrat che sostengono la candidatura del parlamentare: «Preoccupante continuità con il passato»

Pubblicato il: 18/01/2023 – 14:59
Congresso Pd, veleni calabri. L’area Cuperlo denuncia: esclusi dalle commissioni

LAMEZIA TERME Veleni calabri sulla strada che porta il Pd al congresso per scegliere la nuova giuda e la nuova linea del partito a livello nazionale. «Quanto si sta verificando in Calabria in vista del congresso nazionale del Partito Democratico è politicamente inaccettabile», denuncia la Mozione Cuperlo Calabria, che annuncia di aver presentato ricorso agli organi di garanzia del Pd contro la mancata inclusione di rappresentanti della mozione nelle commissioni congressuali regionale e provinciali: il ricorso è stato indirizzato, tra gli altri, ai segretari nazionale e regionale del Pd e a tutti i candidati alla segreteria nazionale del Pd.

«Inaccettabile esclusione dalle commissioni congressuali»

«Un congresso – prosegue la Mozione Cuperlo Calabria – particolarmente delicato ed importante per il futuro del Pd, della sinistra e della democrazia italiana. Un congresso che non a caso è stato proclamato come costituente e che quindi dovrebbe essere, con coerenza, proiettato ed organizzato sui territori come occasione per l’apertura di una riflessione e confronto partecipato, in un clima positivo e inclusivo. Purtroppo i primi segnali, che con preoccupazione siamo costretti a registrare in Calabria sono in piena continuità con prassi ormai consunte che si auspicava fossero da tutti abbandonate. In queste ore si è proceduto alla formazione delle commissioni per il congresso previste dal regolamento a garanzia di uno svolgimento regolare e trasparente delle diverse fasi congressuali. Ebbene, nelle commissioni, a partire da quella regionale, non sono stati inclusi i rappresentanti della mozione a sostegno della candidatura di Gianni Cuperlo a segretario nazionale. Anche il mancato rispetto dei termini entro i quali il regolamento stabilisce la nomina delle commissioni regionali e provinciali, che in Calabria non sono stati rispettati, immaginavamo fosse determinato dalla necessità di attivare processi e percorsi inclusivi di tutte le sensibilità facenti capo alle quattro mozioni congressuali. Al contrario, si è proceduto ad excludendum. Apprendiamo dalla stampa che la Commissione regionale per il Congresso è stata proposta dal segretario regionale nel numero di 12 e tra questi non vi sono rappresentanti indicati dalla mozione Cuperlo. Ciò malgrado da parte di Michele Mirabello, in rappresentanza della mozione, nei giorni precedenti alla nomina fosse stato contattato il segretario regionale Nicola Irto al fine di procedere alla costituzione delle commissioni attraverso una interlocuzione positiva ed un impegno collegiale ed unitario. In considerazione di questo atto grave ed ingiustificato siamo stati costretti a rivolgere formale ricorso agli organi di garanzia competenti». Siu surriscalda dunque anche in Calabria il clima in vista del congresso, con la mozione Cuperlo che a livello regionale sembra aver rotto qualche “schema” e una sorta di apatia del dibattito: nelle ultime ore del resto non è mancata una coda polemica dopo che alcuni esponenti di spicco del Pd avevano criticato la mozione Cuperlo per il sostegno che riceverebbe dall’ex governatore Mario Oliverio, ritenuto «divisivo», con tanto di replica piccata dei cuperliani. (redazione@corrierecal.it)



Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x