Ultimo aggiornamento alle 18:18
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la richiesta

«Fase storica per la Calabria, ognuno faccia la propria parte nella lotta alla ‘ndrangheta»

Nota unitaria dei segretari generali regionali di Cgil, Cisl e Uil. «Determinante sostenere il percorso di legalità avviato»

Pubblicato il: 15/02/2023 – 9:26
«Fase storica per la Calabria, ognuno faccia la propria parte nella lotta alla ‘ndrangheta»

CATANZARO «L’inaugurazione del Centro operativo della Direzione investigativa antimafia in un bene confiscato a Catanzaro è una notizia importante che ha una doppia valenza, intanto perché eleva ad un rango superiore una Sezione da sempre in primo piano nella lotta alla ‘ndrangheta e, quindi, presuppone un potenziamento in uomini e mezzi e, poi, perché restituisce alla comunità e, soprattutto, destina al contrasto della criminalità organizzata più potente ed aggressiva su scala mondiale un bene che rappresentava, sul territorio catanzarese, lo strapotere economico delle cosche». È quanto si legge in una nota dei segretari generali regionali di Cgil, Cisl e Uil, Angelo Sposato, Tonino Russo e Santo Biondo. «La presenza di un Ministro della Repubblica, – prosegue la nota – ancora, ha reso più rilevante questo evento e, allo stesso tempo, ha posto un tratto di evidenziatore sull’opera pregevole messa in atto dalla Procura di Catanzaro e dal Procuratore Gratteri al quale va tutto il nostro sostegno, che sono pochi mesi addietro aveva inaugurato la sua nuova sede, e della sua guida nell’azione di repressione del fenomeno mafioso. Le parole del Ministro Piantedosi, che senza giri di parole si è esposto sulle intenzioni del Governo di potenziare – in termini di uomini e mezzi – il Centro operativo della Dia di Catanzaro si muovono proprio nel solco di quanto indicato proprio dal Procuratore Gratteri, non più tardi di quindici giorni addietro durante la cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario del distretto catanzarese. L’elevazione di rango delle Sezione della Direzione investigativa antimafia di Catanzaro si registra in un momento importante per il territorio calabrese, la cui pubblica amministrazione è impegnata nella corretta progettazione dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza».

Le richieste. «È il momento che ognuno di noi faccia la sua parte»

«Quella che stiamo vivendo – affermano ancora i segretari generali regionali di Cgil, Cisl e Uil – è una fase storica per la Calabria è, quindi, è determinante sostenere il percorso di legalità avviato grazie all’impegno di magistrati e forze dell’ordine chiamati spesso a fare i conti con carenze insopportabili. Adesso, però, è il momento che ognuno di noi faccia la sua parte per quanto di propria competenza. Per questo pretendiamo dal Presidente della giunta regionale ed dai sindaci calabresi di avviare e rendere concretamente operativa la cabina di regia che è stata deputata alla verifica delle corrette prassi in merito alla gestione del Pnrr. Così come, infine, chiediamo senza remore la sottoscrizione di un Protocollo sulla legalità e sicurezza con le Prefetture, Istituzioni e parti sociali, – conclude la nota – nella convinzione che questi rappresentano un argine importante al rischio di prestarsi al gioco perverso della ‘ndrangheta».

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x