Ultimo aggiornamento alle 13:38
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

la lettera

«Il nostro amato Enzo morto perché l’ambulanza non aveva un defibrillatore. Ora basta»

«Mezzo arrivato dopo 30 minuti e senza medico». La denuncia a Lamezia. «Lanciamo una raccolta di fondi per la Croce Rossa»

Pubblicato il: 21/02/2023 – 11:26
«Il nostro amato Enzo morto perché l’ambulanza non aveva un defibrillatore. Ora basta»

Sono le sette e mezza di sera del 23 gennaio 2023 a Lamezia Terme.
Un malore improvviso e assolutamente inaspettato colpisce il nostro amato Enzo. Pochi istanti prima parlava serenamente al telefono con il suo terzo figlio.  
L’ambulanza del 118 arriva dopo 30 minuti, senza un medico a bordo e senza defibrillatore. 
Le manovre di primo soccorso sono state fatte da moglie, cognati e vicini di casa. 
L’intervento degli operatori del 118, una volta sopraggiunti, è consistito nel ripetere dei semplici elettrocardiogrammi, che purtroppo sono risultati piatti. 
Il medico della guardia medica di Sant’Eufemia è arrivato dopo 2 ore e mezzo dalla chiamata. 

Enzo Mascaro

Un tempo lunghissimo che ha lasciato tutti noi parenti nell’angoscia e nello sgomento. 
Probabilmente Enzo non si sarebbe salvato nemmeno con l’intervento tempestivo di personale medico con adeguata attrezzatura di rianimazione, ma non abbiamo purtroppo questa certezza ad alleggerire il dolore che proviamo. Rimane, pressante, il dubbio: e se ci fosse stata anche una sola possibilità di salvezza?
Non possiamo quindi non domandarci: perché non è garantito a tutti equo accesso al diritto alla cura e al soccorso?
Perché a Lamezia è in servizio una ambulanza del 118 senza medico rianimatore e senza defibrillatore?
Basta rassegnazione!
Non possiamo lasciar cadere questo episodio nell’oblio, con la solita rassegnazione che sembra accompagnare noi calabresi. 
Abbiamo quindi segnalato l’episodio al Presidente della Regione Calabria, chiedendo di adeguare la rete emergenziale di personale sanitario e strumenti. Abbiamo informato anche il deputato lametino alla Camera, l’ASP di Catanzaro, il sindaco di Lamezia e il Codacons. 
Sarà una goccia nel mare, ma vogliamo contribuire a tenere alta l’attenzione di tutti su questo tema, affinché vicende come questa non si ripetano mai più. 

Una raccolta fondi per la Croce Rossa

Inoltre, vogliamo lanciare una campagna di raccolta fondi per l’acquisto di un defibrillatore che doterà una ambulanza della Croce Rossa di Lamezia Terme. È un’iniziativa simbolica che non aspira a risolvere il problema della sanità calabrese, ma che si pone come atto di sensibilizzazione, di denuncia e di appello alle istituzioni affinché loro sì, come di dovere, si impegnino a garantire a tutta la popolazione un servizio di emergenza sanitaria territoriale efficiente.
È anche un modo per ricordare Enzo Mascaro, che è stato un grande sportivo, un tennista, sempre attento alla salute di tutti, persona amabile e stimata nella nostra comunità; professore di educazione fisica che ha amato il suo lavoro e ha insegnato generosamente e con tanta passione a generazioni di studenti del comprensorio lametino.
Chiunque volesse partecipare, con una libera offerta, può effettuare un bonifico con IBAN
IT23P0306942842100000012748 intestato a “Croce Rossa Italiana – Comitato di Lamezia Terme”, indicando nella causale “DONAZIONE Acquisto di un defibrillatore in memoria del prof. Enzo Mascaro”.
Solo tutti insieme, come comunità coesa e solidale, come cittadini non indifferenti, possiamo far sentire la nostra voce e guardare al futuro con più speranza. 
Grazie per l’attenzione 

I familiari del prof. Enzo Mascaro

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x