Ultimo aggiornamento alle 10:07
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 7 minuti
Cambia colore:
 

l’approfondimento

La Protezione civile secondo Costarella: prevenzione, pianificazione e conoscenza

Il capo della Prociv della Regione Calabria ospite de “L’altra Politica” illustra le novità della riforma legislativa varata nell’ultimo Consiglio

Pubblicato il: 23/02/2023 – 7:19
La Protezione civile secondo Costarella: prevenzione, pianificazione e conoscenza

L’importanza della prevenzione nel senso della pianificazione e della conoscenza, un rapporto e un raccordo sempre più stretto con i Comuni e i sindaci, il ruolo fondamentale del volontariato. Su questi temi Domenico Costarella, dirigente generale della protezione Civile della Regione Calabria, ha posto l’attenzione nel corso della puntata de “L’Altra Politica”, l’approfondimento settimanale in onda ieri sera alle 21 sul canale 75 de “L’Altro Corriere tv”. Ospite di Danilo Monteleone e Ugo Floro, Costarella ha illustrato le novità contenute nella riforma del sistema della Protezione civile regionale varata dalla Giunta Occhiuto e approvata in Consiglio nell’ultima seduta.

La riforma della Protezione civile calabrese

E la riforma è stata la traccia del confronto di Costarella con Monteleone e Floro. «Partiamo da un dato: questa legge – ha ricordato il dg della Prociv della Regione – governa un settore che era regolato da una legge del 1997, in 26 anni è cambiato il mondo, il presidente Occhiuto l’ha detto in Consiglio e noi  ringraziamo il presidente e la Giunta per aver dato questo input di cui c’era bisogno adesso. La prima cosa che la legge regionale fa è recepire il codice nazionale di protezione civile, del 2018. Le novità più interessanti è che quando c’è un evento di una certa rilevanza non nazionale ma regionale il presidente della Giunta può emanare lo stato di emergenza regionale e quindi sostenere i Comuni colpiti supportandoli non solo sul piano operativo con la protezione civile regionale e con la tutela e il soccorso delle persone e il ripristino delle infrastrutture ma anche economico con il ristoro delle persone danneggiate. Quello che governa il nostro sistema – ha rilevato il dirigente generale della Protezione civile è il principio di sussidiarietà: prima intervenire il Comune, poi la Regione e lo Stato».

Le parole d’ordine: prevenzione e pianificazione

Per Costarella «la gran parte del lavoro della protezione civile è la prevenzione, nel nostro caso la prevenzione non strutturale, la pianificazione: cioè studiamo prima. Al tempo del terremoto dell’Irpinia – all’epoca non c’era un servizio organizzato di protezione civile uscì un titolo di giornale “Fate presto”, noi invece diciamo “facciamo prima”. Facciamo dunque la pianificazione, lavoriamo sulla pianificazione a tutti i livelli, territoriale, d’ambito, regionale perché definire prima procedure e attività, conoscenza del territorio, definizione dello scenario di rischio e di evento aiuta poi nel lavoro. La prima legge di protezione civile è del 1992 e quindi c’è voluto del tempo». Secondo Costarella poi «i Comuni sono tante cose, e sono una avamposto di protezione civile, però bisogna aiutarli perché quello di sindaco è un mestiere molto complicato. C’è da dire che c’è sempre una maggiore attenzione verso la protezione civile. I Comuni hanno tutti ormai un piano di protezione civile. Quello che stiamo facendo con Anci e faremo ancora è aiutare i Comuni nel migliorare i loro piani, perché è doveroso non lasciare soli i sindaci: intensificheremo gli incontri con Anci alla luce anche della nuova legge, che presenteremo a tutte le componenti. Tutto si può migliorare. Anche noi come Regione con la nuova legge lavoreremo per definire bene il nostro nuovo piano di Protezione civile. Ci sono vari piani di protezione civile che vanno resi organici anche con l’aiuto dei Comuni». Quanto alla pianificazione, Costarella ha spiegato che «si fonda su due pilastri: la conoscenza del territorio e la conoscenza del rischio che avviene  attraverso la diffusione del piano e le iniziative di conoscenza. Su questo abbiamo iniziato un percorso che non è breve ma è iniziato. Grazie ai Comuni abbiamo già individuato modalità di partecipazione: a esempio a Bagnara abbiamo inaugurato una modalità partecipata coinvolgendo i cittadini alla redazione del piano, perché questo migliora la conoscenza. Noi tra l’altro abbiamo realizzato una piattaforma in cui inserire i dati, la stiamo testando: come sviluppo avrà il fine di far conoscere i piani di protezione civile. Quindi due pilastri, la parte tecnica e comunicativa di conoscenza del rischio e su questo noi vogliamo incidere. Perché si può fare un piano tecnicamente perfetto ma se non è conosciuto abbiamo fatto solo metà del lavoro».

«L’allerta gialla è un campanello d’allarme»

Sempre con riferimento alla nuova legge regionale, Costarella ha osservato che «la riforma detta dei principi, e noi lavoreremmo affinché questi principi vengano attuati. Quanto alle modalità di risposta agli eventi, nella legge abbiamo previsto dei comitati operativi regionali che possono essere convocati per una risposta pronta all’emergenza, è prevista anche una unità di crisi più ristretta e più interna alla Regione proprio per dare una risposta più rapida all’emergenza. Per quanto riguarda la risposta all’emergenza più ampia dei cambiamenti climatici, bisogna lavorare a più livelli, anzitutto a livello previsionale. Facciamo l’esempio delle Marche a settembre, lì si era in costanza di allerta gialla. Dobbiamo dire che quando è allerta gialla non è solo allerta gialla, è già allerta gialla, perché con gli eventi che ci sono ci possono esser esitazioni ed eventi estremi, i famosi temporali autorigeneranti, eventi che hanno ormai una incidenza molto forte e con una prevedibilità non del tutto al massimo della raffinatezza. In ogni caso l’allerta gialla già di per sé deve costituire un campanello di allarme». Quest’ultimo tema ovviamente è particolarmente sentito, soprattutto dai sindaci: «Sull’allerta meteo – ha sostenuto Costarella – siamo sempre in contatto con i sindaci. A volte ci dicono che vogliamo scaricare su di loro ma non è così. La nostra è anche una forma di tutela, di dire “attenzione, c’è questa situazione attiviamo i presìdi di gestione dell’emergenza”. Sul fatto delle scuole, chiaramente ogni territorio ha la sua conoscenza». Il capo della Protezione civile calabrese si è soffermato poi sullo Stromboli, che desta sempre qualche preoccupazione, spiegando che «il rischio zero non esiste, partiamo da questo presupposto. Il rischio lo si può ridurre, non annullare a zero. Lo Stromboli sta lì, ogni tanto ha eruzioni e crolli che finiscono in mare, è un po’ turbolento. Il 4 dicembre ci fu un allerta tsunami. Noi comunque abbiamo un piano e non si può sottovalutare niente e siamo sempre in contatto con la Protezione civile nazionale. In generale c’è sempre un monitoraggio attivo».

Il terremoto in Turchia

L’insegnamento del terremoto in Turchia: «Non utilizzare mai la parola “tranquilli”. Il terremoto in Turchia ha una sua storia. Quello di cui dobbiamo essere consapevoli – ha aggiunto Costarella – è che la nostra regione è a elevato rischio sismico, quindi i terremoti – la storia della Calabria lo insegna – sono stati tanti, l’ultimo violento è stato quello famoso Reggio-Messina. Ci ricolleghiamo alla pianificazione, la conoscenza del rischio e del territorio. Bisognerebbe sapere, quando si esce da un edificio, dove andare in caso di terremoto: chiaramente subentra il panico, che è un elemento da tenere in considerazione, per questo è necessario un lavoro di formazione e di conoscenza del rischio. Partiamo dai piccoli comportamenti, il sapere dove andare a ripararsi. Se iniziamo a impararli già abbiamo fatto un cambiamento, magari piccolo ma un cambiamento, sul piano culturale. Poi ovviamente si possono fare ragionamenti sula prevenzione strutturale degli edifici, su come vengono costruite le case, sui piani di costruzione, ma noi facciamo soprattutto prevenzioni non strutturale e quindi pianificazione e conoscenza, per questo noi battiamo sempre tanto su questi aspetti».

Il protagonismo del volontariato

Nella nuova legge regionale c’è un rinnovato protagonismo del volontariato. «Il volontariato, già a partire dalla legge, è impiegato in tutte le fasi della protezione civile. Può supportare gli enti nella pianificazione, ma soprattutto nella divulgazione del piano. Poi interviene l’emergenza. Il volontariato – ha rilevato Costarella – è la spina dorsale trasversale del nostro sistema. Quello che vorremmo fare è aumentarne la portata non solo quantitativa ma qualitativa, sostenendone la crescita. Uno dei principi che attueremo con la nuova legge è proprio questo: supportare la crescita del volontariato affinché possa migliorare la capacità aiutandoli anche con contributi e progetti e con la formazione. Il volontariato dev’essere sostenuto in modo da fare percorsi di crescita ed essere pronti al servizio dei cittadini. Importante inoltre anche la gestione delle fragilità e disabilità nelle emergenze: noi in Calabria – ha concluso il dg della Protezione civile della Regione – abbiamo una cultura in questo senso già nella fase di pianificazione perché il trattamento del soccorso alle persone con fragilità e disabilità e importantissimo e delicatissimo». (redazione@corrierecal.it)

Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x