Ultimo aggiornamento alle 18:35
Corriere della Calabria - Home

I nostri canali


Si legge in: 3 minuti
Cambia colore:
 

La polemica

Autonomia, l’opposizione: «Subito un Consiglio». Mancuso: «Già in agenda»

Appello di dieci consiglieri regionali al presidente dell’assemblea regionale che replica duramente: Bruni propala notizie inesatte

Pubblicato il: 03/03/2023 – 19:04
Autonomia, l’opposizione: «Subito un Consiglio». Mancuso: «Già in agenda»

REGGIO CALABRIA «Vediamo se ancora una volta ci dicono di no. Insieme ai Consiglieri, Ernesto Francesco Alecci, Francesco Afflitto, Domenico Bevacqua, Francesco Antonio Iacucci, Antonio Maria Lo Schiavo, Raffaele Mammoliti, Giovanni Muraca, Antonello Talerico e Davide Tavernise abbiamo inviato una lettera al presidente del Consiglio Regionale, Filippo Mancuso, ai sensi dell’articolo 37 del Regolamento, comma 3, chiedendo la convocazione straordinaria del Consiglio per discutere di Autonomia Differenziata». È quanto scritto in una nota firmata da Amalia Bruni e da altri nove consiglieri regionali che aggiunge: «La nostra è una richiesta che parte da lontano ma che fino a ora è stata sempre negata, ci è stato sempre detto di no alla discussione in Aula sul questo tema».
«In tutta Italia da mesi si è aperto un dibattito su un tema così delicato non solo per la Calabria ma per tutto il Paese – sottolinea – comuni, associazioni, imprenditori, anche la Chiesa, vi hanno preso parte attivamente esponendo ognuno il proprio punta di vista, solo qui è stato posto il divieto. Mentre il Presidente Occhiuto ha potuto esprimere il suo voto favorevole per la legge Calderoli nella Conferenza delle Regioni viene impedita la discussione nella massima Assise calabrese».

La replica di Mancuso

«Ancora una volta, la consigliera Amalia Bruni propala notizie inesatte. E continua, attraverso una comunicazione semplificata nella forma e vuota di contenuti, ad inventarsi un nemicoche le impedirebbe ogni agibilità, per giustificare, dinanzi al suo elettorato, l’inconcludenza politica e legislativa. Non corrisponde, infatti, a verità che il Consiglio regionale abbia impedito la discussione sull’autonomia regionale differenziata, avendo invece deciso, nell’ultima riunione, che se ne occuperà nella prossima seduta». Lo afferma il presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso. «Al di là degli esiti del dibattito in Aula – afferma Mancuso  – e auspicando che non avvenga per tesi precostituite, mi pare utile ricordare al ‘capo dell’opposizione’ Amalia Bruni,  che si tratta di una previsione costituzionale introdotta con la riforma del Titolo V adottata dal centrosinistra nel 2001 (Governo Amato) e che ha preso avvio nel 2017 con la richiesta di trasferimento dei poteri in più materie da parte delle Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna e con gli accordi preliminari delle tre Regioni con il Governo Gentiloni. Così come è rilevante sottolineare – aggiunge il presidente Mancuso – che per essere utile al Paese l’autonomia differenziata dovrà superare l’iniquo concetto della spesa storica e definire entro l’anno i Lep, riguardanti i diritti civili e sociali,  e i fabbisogni standard per stabilire quanto lo Stato deve garantire a ciascuna Regione. A tutti i cittadini, ovunque risiedano, bisogna garantire stessi servivi e analoghi diritti».


Argomenti
Categorie collegate

Corriere della Calabria - Notizie calabresi
Corriere delle Calabria è una testata giornalistica di News&Com S.r.l ©2012-. Tutti i diritti riservati.
P.IVA. 03199620794, Via del Mare, 65/3 S.Eufemia, Lamezia Terme (CZ)
Iscrizione tribunale di Lamezia Terme 5/2011 - Direttore responsabile Paola Militano
Effettua una ricerca sul Corriere delle Calabria
Design: cfweb

x

x